nenous-thabit

Pubblicato il 21 novembre 2016

Arte e cultura contro la barbarie

Reagire alla barbarie, anche quando l’Isis, come abbiamo visto recentemente, distrugge un grande patrimonio archeologico come quello che si trovava nell’antica città di Nimrud. Un giovane scultore iracheno di soli 17 anni, Nenous Thabit, è uno dei tanti che è stato tristemente colpito dal gesto del Califfato e ha risposto con la cultura: sta scolpendo di nuovo i capolavori andati perduti.

Il suo non è solo un gesto di pura estetica, infatti dice: «In Iraq ci sono persone che vengono uccise solo perché sono scultori, perché sono artisti. L’Isis li vede come apostati. Continuare a scolpire significa che non sono intimidito da questi demoni».

Lezioni di vita che non hanno prezzo
Attenzione, attraversamento pinguini

Tags: , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...