Portale di economia civile e Terzo Settore

La felice stagione della sharing economy

8

La sharing economy sta vivendo un periodo di grande boom. E’ quanto emerge in questi giorni a Milano dove è in corso Sharitaly, il principale festival italiano dedicato all’economia collaborativa e giunto quest’anno alla sua quarta edizione.

In particolare a fotografare la crescita di questa nuova e innovativa forma di economia sono due studi presentati proprio in occasione della manifestazione milanese: “Mappatura delle piattaforme collaborative” e “Report sulle piattaforme di crowdfunding“. Entrambi i documenti sono stati curati da Marta Mainieri di Collaboriamo e Ivana Pais dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

La buona notizia che ne emerge è che la sharing economy non solo cresce, ma è sempre più alto il numero dei mercati in grado di coglierne la potenzialità. Se in un primo momento, infatti, l’economia della collaborazione era particolarmente diffusa soprattutto nei settori dei trasporti e dell’ospitalità, oggi abbraccia anche il turismo, il welfare, la finanza, la cultura, il lavoro e perfino la scienza.

Quanto ai numeri, nel 2016 le piattaforme italiane di sharing economy (comprese quelle internazionali con sede in Italia) sono arrivate a quota 138, mentre sono 68 quelle di crowdfunding. Rispetto alle 187 complessive del 2015, l’incremento è del 10%.

A mantenere la testa della classifica sono ancora quelle relative ai trasporti (il 18%), seguite da quelle dedicate ai servizi alla persona (16,6%), ai servizi alle imprese (8,7%), alla cultura (9,4%), mentre rimane sostanzialmente invariato il settore del turismo (12%). Nonostante l’incremento dell’offerta, emerge inoltre che la domanda ha ancora molti margini di crescita. Il 51% delle piattaforme di sharing conta, infatti, un numero di utenti inferiore a 5mila. In compenso, l’11% ne registra però oltre 100mila, un numero che inizia a permettere alle piattaforme di innescare circoli virtuosi.

Discorso simile va fatto per le piattaforme di crowdfunding: il 49% ha un numero di donatori inferiore a 500 mentre appena il 9% supera i 50mila. Eppure un sensibile aumento c’è stato rispetto al 2015 quando il 20% delle piattaforme sharing raggiungeva più di 30mila utenti, contrariamente ad oggi che sono il 31%. Nel 2015 solo il 35% delle piattaforme di crowdfunding, inoltre, raggiungeva più di 1.000 finanziatori/donatori, mentre adesso si arriva all’82%. Mediamente, gli utenti utilizzano le piattaforme sharing per l’83% via internet e per il 17% via app; le piattaforme crowd per il 91% via internet e per il 9% via app.

«Quello che stiamo osservando è che i processi collaborativi si stanno diffondendo con velocità e maturità differenti nei diversi mercati», spiega Marta Mainieri di Collaboriamo. «A partire dai settori più consolidati come il turismo e i trasporti, si sta verificando un progressivo allargamento della sharing economy verso nuove aree potenziali di business, che includono servizi alle imprese e alle persone, ma anche finanzia, cultura, abitare collaborativo».

A confermare l’importanza della sharing economy è anche Ivana Pais dell’Università Cattolica di Milano. «L’economia collaborativa non è un settore o un modello di business, è un approccio che mette in discussione i rapporti consolidati tra economia e società», aggiunge. «In questo momento le piattaforme italiane sono ancora immature ma mostrano una forte attenzione alla dimensione relazionale. E le nostre ricerche hanno permesso di indagare le specificità dei casi di successo, dove l’utilizzo delle piattaforme rafforza il capitale sociale degli utenti».

Ecco la fotografia del volontariato marchigiano
Mutilazione genitale femminile: reagire si può, così dimostra l'Uncut girls club in Etiopia

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...