Portale di economia civile e Terzo Settore

Barattare oggetti e competenze con un viaggio? Qui si può

5

Quante volte, scherzando con gli amici, davanti al conto un po’ troppo salato di un ristorante avete detto “Mi sa che ci tocca lavare i piatti?”. O ancora, in quante occasioni, davanti alla voglia di dedicarvi una bella vacanza o anche solo un fine settimana fuori porta, siete rimasti bloccati in casa dalla mancata disponibilità economica? O, infine, a qualcuno di voi, magari esperto in comunicazione e marketing, è mai capitato di pensare che una struttura avesse bisogno di essere maggiormente valorizzata sotto il piano dell’immagine?

La risposta a tutte queste domande arriva da un’incredibile opportunità messa a disposizione da centinaia di bed&breakfast disseminati sull’interno territorio nazionale. Si tratta della settimana del baratto, che ha preso il via ieri e che fino al 20 novembre vedrà moltissime strutture ricettive letteralmente barattare i propri posti letto con le competenze degli ospiti. Ad aderire all’iniziativa, giunta quest’anno alla sua ottava edizione e che coglie appieno lo spirito della sharing economy, sono tanti b&b aderenti al circuito http://www.bed-and-breakfast.it.

In realtà ci sono molte strutture che utilizzano questa forma di scambio nel corso di tutto l’anno, come dimostra il sito http://www.barattobb.it.

In questo caso sarà possibile effettuare la selezione a partire da una località, oppure da una tipologia di vacanza (mare, montagna, laghi, città) o ancora selezionare la categoria più affine alle competenze dell’utente. In quest’ultima ipotesi la scelta è tra: musica, film, video; libri e fumetti; computer e accessori; abbigliamento e accessori; foto e video; vacanze e viaggi; food & drink; giochi; telefonia; arredamento; auto e moto; servizi e prestazioni; collezionismo; miscellania.

Nella lunghissima lista delle richieste ad esempio trovano spazio i servizi fotografici, le coperte invernali, i giochi per i bambini, i mezzi agricoli, ma anche le richieste di manovalanza, come quelle per idraulici, muratori, tappezzieri o contadini.

Non resta dunque che immergersi nel variegato mondo del baratto, selezionare l’offerta che fa maggiormente al vostro caso e preparare la valigia.

La città più green d'Italia 2016 è Macerata
Da un logo l'idea per ripartire: I Love Norcia

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...