apac

Pubblicato il 10 novembre 2016

Qui “entra l’uomo, il delitto resta fuori”, così le APAC brasiliane

Gli scatti della fotografa bresciana Marina Lorusso hanno documentato una bella realtà che ha finito col diventare una mostra visitabile fino al 27 novembre con ingresso libero come evento aggiuntivo alla 15^ mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia – organizzata da Università e Politecnico di Torino. Marina Lorusso ha visto da vicino la vita che si svolge nelle APAC, istituti detentivi brasiliani autogestiti, nei quali non ci sono guardie carcerarie ad aprire e chiudere le porte perché sono i recuperandi, così come vengono chiamati, a farlo in autonomia.

Si tratta di una risposta nuova rispetto alla normale, e spesso fallimentare, detenzione classica. Un istituto in cui “entra l’uomo e il delitto resta fuori”, nel quale il senso della detenzione non è legato al mero sconto della pena ma all’acquisizione di autocoscienza e consapevolezza dei propri mezzi e potenzialità.

Milano, storia di una rinascita. 1943-1953 Dai bombardamenti alla ricostruzione
La vignetta di Freccia

Tags: , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...