Dai rifiuti degli oceani nascono le nuove scarpe da ginnastica Adidas

Pubblicato il 9 novembre 2016

Dai rifiuti degli oceani nascono le nuove scarpe da ginnastica Adidas

Recuperare i rifiuti dagli oceani e sensibilizzare sempre di più l’opinione pubblica sul problema dell’inquinamento dei mari. Questo è il duplice scopo della nota azienda Adidas che ha prodotto nuove scarpe da ginnastica riciclando i rifiuti recuperati negli oceani.

Le scarpe da ginnastica che si chiamano UltraBOOSt Uncaged Parley” sono nate dalla collaborazione con l’associazione ambientalista Parley for the Oceans, che si batte in tutto il mondo per focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’importante problema dell’inquinamento dei mari e degli oceani.

Come ha sottolineato il fondatore di Parley for the Oceans, Cyrill Gutshc: «Nessuno salva gli oceani da solo. Ognuno di noi può avere un ruolo nella risoluzione del problema. È compito delle industrie creative reinventare i materiali, i prodotti, i modelli di business. Il consumatore può aumentare la domanda in linea con il cambiamento».

Ma come sono fatte le UltraBOOSt Uncaged Parley? La parte superiore è stata realizzata con il 5% di poliestere riciclato e il 95% di rifiuti di plastica raccolti in prossimità delle Maldive. Ogni paio di scarpe contiene complessivamente undici bottiglie di plastica e il resto della scarpa, incluso tallone, fodera e lacci, è stata ottenuta da altri materiali riciclati.

Attualmente sono solo sette mila paia, ma l’azienda mira a produrne un milione entro il 2017.

E' Donald Trump il 45° presidente degli Stati Uniti
Trento: al via Tutti nello stesso piatto, il festival di cinema e cibo

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...