SantinoSafetySystem

Pubblicato il 28 ottobre 2016

Per una guida sicura arriva l’app SantinoSafetySystem

Ogni anno sono 3419 le vittime di incidenti stradali nel nostro Paese. Sono il 20% i guidatori italiani che usano il cellulare quando sono alla guida per una media di dieci secondi consecutivi di utilizzo che a un’andatura di 50 KM/h vogliono dire 140 metri di percorrenza al buio. Sono 48.524 le infrazioni di questo tipo solamente nel 2015 che moltiplicano per quattro il rischio di incidenti.

Proprio in virtù di tali dati allarmanti nasce SantinoSafetySystem, un’app che dialoga con un chip posizionato in macchina e scherma il telefono durante la guida.

Il progetto è stato realizzato da Groupama Assicurazioni, con il contributo creativo dell’agenzia Saatchi&Saatchi e il supporto media di Zenith, ed è stato lanciato attraverso l’iniziativa #DontTextandDrive con l’intento di prevenire gli incidenti causati dall’utilizzo improprio degli smartphone durante la guida.

Ma come funziona SantinoSafetySystem? Il dispositivo è semplicissimo da usare. Basta richiederlo direttamente sul sito di Groupama e funziona grazie a un’apposita app. Esso crea uno scudo invisibile intorno al guidatore, arrestando la ricezione delle chiamate, degli sms e di altre notifiche di social network. Inoltre, invia anche un messaggio di risposta, informando che la persona cercata è impossibilitata a rispondere poiché alla guida. Si tratta di una grande innovazione tecnologica al servizio della prevenzione del rischio.

Di seguito, vi proponiamo un video esplicativo.

SudInnova - Concorso di idee per l'innovazione dell'agricoltura nel Sud
Living planet WWF, cambiare modo di ragionare per salvare il Pianeta

Tags: , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...