Progetto Educativo Antimafia 2016-17

Pubblicato il 23 ottobre 2016

Il Progetto Educativo Antimafia 2016-17 sbarca a Palermo

Domani dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso il cinema Rouge et Noir di piazza Verdi, nella città di Palermo si terrà la prima conferenza del Progetto Educativo Antimafia 2016-17 giunto orami all’undicesima edizione di svolgimento,

Il progetto, promosso dal Centro Studi Pio La Torre, si propone di contribuire a formare, in collaborazione con le principali agenzie educative, prima tra le quali la scuola, la coscienza civile delle nuove generazioni, avvalendosi della memoria storica, degli strumenti documentali, delle molteplici modalità espressive, tra cui quelle artistiche.

L’obiettivo è quello di accrescere la conoscenza e la valutazione critica delle mafie, del loro ruolo negativo nelle società nazionali, dei loro rapporti complessi con la realtà economica, sociale, istituzionale, politica.

“Storia ed evoluzione del fenomeno mafioso e dell’antimafia dalle origini a oggi” sarà il tema che verrà approfondito in questa conferenza dagli storici Enzo Ciconte, Salvatore Lupo e Isaia Sales. Il convegno sarà introdotto dal sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone. L’incontro sarà invece moderato da Vito Lo Monaco, presidente del Centro Studi Pio La Torre.

Al Progetto Educativo Antimafia 2016-17 hanno aderito circa un centinaio di scuole italiane, tra cui l’Isc di Arquata e l’istituto Onnicomprensivo Luigi Pirandello di Lampedusa.

La conferenza sarà trasmessa in videoconferenza per le scuole che hanno aderito al progetto e in diretta streaming sul sito del Centro Studi Pio La Torre e sul portale legalità dell’Ansa www.ansa.it/legalita.

Contro la tratta di esseri umani
Il capro espiatorio è finalmente libero. Ma Ilaria e Miran sono morti di caldo?

Tags: , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...