Portale di economia civile e Terzo Settore

Abbattuto un altro ecomostro

4

Quando si abbatte un ecomostro è sempre giusto festeggiare. Se poi questo risultato si attende da decenni e viene determinato da un accordo tra l’amministrazione pubblica, la proprietà dell’immobile e un’associazione ambientalista il segnale è ancora più importante.

È accaduto a Sapri, Golfo di Policastro, costa salernitana. Protagonisti il Comune, la società Club Tirrenico srl e Legambiente. L’edificio è un ex cementificio iniziato nel 1948 e abbandonato, incompleto, fin dai primi anni Cinquanta. Tre anni fa l’accordo tra le parti, nei mesi scorsi l’avvio della demolizione, ieri la conclusione.

Altre informazioni e commenti nel comunicato stampa di Legambiente Campania.

Giù l’ecomostro. Da Sapri un monito e un chiaro esempio di come può essere difeso l’affascinante patrimonio costiero della provincia di Salerno. Nei giorni scorsi si è proceduto a completare le opere di abbattimento della struttura “ex cementificio”, a ridosso della Statale 18, che da oltre sessant’anni deturpava una delle aree più affascinanti di questa regione. La demolizione del fabbricato di località Pali a Sapri era iniziata nei mesi scorsi, con le ruspe in azione in occasione del passaggio di Goletta Verde nella città di Sapri.

Un mostro di cemento le cui fondamenta furono gettate nel 1948. Cinque anni dopo i lavori di costruzione furono interrotti e da allora quello scheletro è stato lasciato al completo abbandono. Nel 2013, sempre in occasione del passaggio di Goletta Verde a Sapri, fu firmato un protocollo d’intesa tra il Comune, la società Club Tirrenico srl proprietaria dell’immobile e Legambiente per procedere all’abbattimento della struttura. Una proposta della stessa amministrazione comunale che ritiene la riqualificazione del fronte-mare un obiettivo strategico per lo sviluppo socio-economico dell’area, proprio attraverso interventi di valorizzazione ambientale e paesaggistica dei siti degradati. Un esempio concreto di come possa essere difesa la costa salernitana, non solo dagli abusi edilizi, piaga ancora incombente anche in quest’area e più in generale della Campania ma anche dalle strutture costruite nei decenni addietro, deturpando il paesaggio, e ora totalmente abbandonate.

“Quello di Sapri è un segnale di come un’amministrazione può intervenire per difendere i suoi paesaggi, anche se non si è in presenza di abusi edilizi. Insomma notizie che ci fanno ben sperare – commenta Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania –. La bellezza è la più grande risorsa del nostro Paese e la nostra sfida su questo fronte è senza sosta. Da Sapri e dal Cilento arriva non solo un chiaro esempio di rispetto della legalità, ma soprattutto un monito ai sindaci e alla classe politica su quale sia la strada giusta da perseguire. Dobbiamo rilanciare le straordinarie risorse di questa terra, perché proprio la bellezza può essere la chiave di una nuova idea di sviluppo, sociale ed economico. Come dimostra l’esperienza di Sapri, si possono innescare nei territori processi di trasformazione che puntino a rendere più belle, moderne e vivibili le città, contribuendo così a migliorare la qualità della convivenza, del benessere individuale e collettivo”.

A seguito dell’abbattimento c’è stato anche un primo incontro tra Comune di Sapri e la Società Club Tirrenico srl per discutere del futuro dell’area dell’ex cementificio.

“L’ex-cementificio è stato per anni un simbolo dell’immobilismo, per questo motivo non possiamo accontentarci del suo abbattimento – conferma il sindaco di Sapri Giuseppe Del Medico –. Ora è necessario pensare da subito ad programma di riqualificazione e valorizzazione dell’area da recepire nel piano urbanistico comunale, per avviare successivamente un grande dibattito con le competenze professionali della nostra Città finalizzato a costruire insieme una proposta progettuale di recupero e rigenerazione urbana ampiamente condivisa. Siamo convinti che sia un progetto di straordinaria importanza che può valorizzare non solo la nostra Città ma l’intero Golfo di Policastro, una sfida soprattutto culturale che dobbiamo affrontare con convinzione e vincere guardando al futuro”.

 

Living Planet Report 2016: i semi per un buon Antropocene
L’Italia si misura con i 17 Obiettivi e 169 Target dell’Agenda 2030

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...