Portale di economia civile e Terzo Settore

Peggiora l’emergenza profughi a Milano

9

Da giorni è di nuovo emergenza profughi e migranti a Milano. Il Comune non riesce più ad accogliere persone nelle strutture di accoglienza, non ci sono più posti. Nel mese di settembre sono transitati oltre 10.000 migranti e poi è arrivato il freddo dei giorni scorsi con piogge molto abbondanti.  I centri, sovraffollati, danno la precedenza a donne e bambini e quando arrivano gli uomini, soprattutto se in tanti, non trovano posto al coperto e sono quindi costretti, come è già capitato, a dormire in sacco a pelo fuori dall’hub di via Sammartini (vicino alla Stazione Centrale), esistente grazie a Progetto Arca.

Spiega l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Maiorino: «Fra migranti, senzatetto e clochard, il Comune sta accogliendo circa 5.300 persone a notte. Corriamo il rischio di non poter più gestire la situazione. Chiedo al prefetto di spostare i richiedenti asilo fuori città, in modo che noi possiamo occuparci solo dei migranti in transito nella città. Così avremmo spazio e non ci sarebbe gente per strada».

Ma non solo: esiste un allarme dei volontari che punta il dito contro il fenomeno prostituzione che gira intorno alla stazione e un altro contro profughi minori – ragazze e ragazzi – che transitano nello stesso luogo. Diverse ragazze sono state viste salire su auto di sconosciuti, tra l’indifferenza di tutti. Tranne, appunto, quella dei volontari che si appellano alle istituzioni che dovrebbero tutelare questi minori non accompagnati ed evitare che le ragazze cadano preda di sfruttatori. A questo proposito, proprio ieri abbiamo dato notizia della manifestazione tenuta in diverse città italiane contro la tratta degli esseri umani (leggi l’articolo).

Alberto Sinigallia, presidente di Progetto Arca e gestore dell’Hub insieme a Fondazione Avsi, dichiara preoccupato: «Il giro di prostituzione attorno alla Stazione è noto e non certo recente. Che siano donne e ragazze ospiti dell’hub, io tenderei ad escluderlo. Anzi, non mi risulta proprio che persone da noi registrate facciano cose strane: le sorvegliamo. Su questi temi, gli occhi sono ben aperti. Certo, poi non possiamo garantire per tutto quel che succede in tutto il quartiere attorno alla Centrale. Comunque, ora allerteremo ancora di più i nostri operatori per verificare queste notizie».

Un’altra questione spinosa a Milano riguarda l’ingaggio da parte del Comune di squadre di migranti volontari per ripulire i parchi cittadini, fatto sul quale la Cisl ha espresso parere negativo, ritenendo questa scelta non adeguata in termini di rispetto del lavoro che, a parer del sindacato, andrebbe svolto da operai qualificati. Opinione sacrosanta, per carità, come sacrosanto è anche che il lavoro serva a conferire dignità a chi voglia sentirsi partecipe e parte integrante di una comunità.

Amianto: 17 milioni alle imprese per gli interventi di bonifica
In Italia il 15% dei portatori Hiv non ne è consapevole

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...