Portale di economia civile e Terzo Settore

“Master Management del non profit 3.0 – Innovazione sociale e trasformazione digitale”

7

Il Master Management del non profit 3.0 nasce da Business School del Sole 24 Ore in partnership, per la prima volta, con CSVnet, oltre che istituzioni governative internazionali, organizzazioni non governative, enti di cooperazione internazionale e esperti del terzo settore. Parliamo di una nuova edizione che parte dalla riforma del Terzo settore e arriva sino alla innovazione digitale e tecnologica per lo sviluppo del non profit oltre a prestare un interesse specifico alla trasformazione che sta investendo il sociale. Infatti l’iniziativa offrirà approfondimenti teorico – pratici di alto livello, capace di cogliere le sfide in atto a livello nazionale e internazionale.

Il suo obiettivo sarà quello di fornire strumenti per:

  • Disegnare le nuove strategie per il no profit, dalla trasformazione digitale all’impact investing come driver di cambiamento;
  • Introdurre nuovi modelli organizzativi e nuove competenze;
  • Consentire attraverso l’innovazione tecnologica di attivare nuovi modelli di intervento, nuovi strumenti di organizzazione, comunicazione e fundraising;
  • Stimolare l’innovazione sociale come driver di cambiamento e di autoimprenditorialità sociale;
  • Imparare a progettare in modo innovativo e volto alla creazione di interventi sostenibili.

A numero chiuso e frequenza obbligatoria, il percorso è strutturato in formula part time proprio per offrire l’opportunità a chi lavora di soddisfare esigenze personali di aggiornamento.
Infatti, le lezioni in aula si terranno il giovedì, venerdì e il sabato per un totale di 8 mesi/27 giornate:

  • 9 week end
  • 27 giornate
  • 198 ore di formazione in aula
  • 135 ore di formazione online

Suddiviso in 3 moduli, si affronteranno temi come lo studio dei nuovi modelli organizzativi; l’innovazione tecnologica come volano per nuove tipologie di interventi e attività; strategie e strumenti per il marketing, la comunicazione sociale e il fundraising; lo sviluppo e la realizzazione di progetti nazionali ed europei. Tali moduli di studio saranno acquistabili separatamente e sono:

  1. Management, innovazione sociale e tecnologica, start up sociali – 9 giornate/3 weekend, 66 ore di formazione in aula – da 17/11/2016 a 12/01/2017
  2. Marketing, Comunicazione e Fundraising – 9 giornate/3 weekend, 66 ore di formazione in aula – da 09/02/2017 a 06/04/2017
  3. Project Management e progettazione nazionale e comunitaria – sempre 9 giornate/3 weekend, 66 ore di formazione in aula – da 11/05/2017 a 08/06/2017

    Accanto alle lezioni frontali e alle esercitazioni quotidiane, il Master include sessioni operative, che saranno svolte sia in aula che on line e daranno ai partecipanti l’opportunità di “vivere” le reali dinamiche aziendali, nonché di confrontarsi con prestigiosi manager del settore.

Destinatari del master saranno:

  • Operatori, manager e collaboratori di enti ed istituzioni no profit, società cooperative e ONG
  • Aspiranti imprenditori sociali
  • Organizzazioni di volontariato
  • Consulenti aziendali
  • Manager o collaboratori di aziende private che si relazionano con il terzo settore
  • Manager e operatori di enti o istituzioni operanti nel settore della finanza etica
  • Giovani laureati interessati ad acquisire competenze specialistiche e manageriali per inserirsi nel settore no profit

e la docenza sarà affidata a manager, professionisti e imprenditori del settore che, con una collaudata metodologia didattica, garantiranno un apprendimento graduale e completo della materia. Il master si svolgerà a Roma a partire dal 17 novembre 2016 e sino all’8 giugno 2017.

Per informazioni sarà necessario rivolgersi al referente del Master: Adriana Anceschi – Tel 02/06 3022. 3857 – [email protected]

Amref Heath e Asvi Social Change: nuovi master internazionali
Master I Livello in Comunicazione Sociale - SOCIOCOM
1 Comment
  1. Gabriella says

    Se smettessero di organizzare Master inutili, per speculare sulle necessità della gente che cerca lavoro, e finanziassero imprese o progetti di impresa realmente innovativi, questi centri “di cultura” inutile farebbero un piacere alla società.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...