Portale di economia civile e Terzo Settore

Tagliare il carbone salva vite umane

8

Se si mettessero limiti opportuni alle emissioni si potrebbero salvare ogni anno migliaia di vite umane, tuttavia più della metà delle centrali elettriche a carbone in Europa operano con un “permesso di inquinare” superiore ai limiti stabiliti dalle leggi europee.

Questo è quanto emerge dal rapporto “Spazzare via la nuvola nera d’Europa: tagliare il carbone salva vite umane”, pubblicato dallo European Environmental Bureau (EEB), dalla Health and Environment Alliance (HEAL), dal Climate Action Network (CAN), dal WWF e da Sandbag.

Tale rapporto comprova che adottando i criteri di prestazione ambientale alle centrali elettriche a carbone europee, si potrebbero salvare 20.000 vite ogni anno, con una riduzione dell’85% delle morti. Impostando e applicando limiti di inquinamento in linea con le migliori tecniche collaudate e riconosciute nel settore, il numero annuale di morti premature provocate dalla combustione del carbone potrebbe diminuire dalle 22.900 odierne a 2.600.

Inoltre, la relazione mette in evidenza che la legislazione corrente non riesce a raggiungere gli obiettivi stabiliti per la salute a causa della concessione di deroghe speciali che permettono emissioni oltre i livelli di sicurezza fissati. Al momento della pubblicazione, infatti, più della metà delle centrali elettriche a carbone in Europa hanno “permessi a inquinare” oltre i limiti stabiliti nella direttiva sulle emissioni industriali.

L’Unione Europea e gli Stati membri, come sottolinea il WWF, prima della fine dell’anno avranno la possibilità di adottare migliori standard di prestazione ambientale. Abbracciando tali standard e applicando limiti concreti in materia di inquinamento del carbone sarebbe possibile conseguire un reale miglioramento per quanto concerne la salute delle persone in ogni parte d’Europa.

Indice Globale della Fame 2016: c'è ancora tanta strada da fare
Quando nascere femmine è una condanna, il rapporto di Save the Children

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...