immunoterapia-polmone

Pubblicato il 10 ottobre 2016

Cancro ai polmoni: l’immunoterapia sembra funzionare, meno 40% rischio di morte

Purtroppo sappiamo molto bene come il cancro ai polmoni sia tra i tumori maligni più complessi e di difficile trattamento, per cui quando la ricerca scientifica muove passi avanti in tal senso è il caso di drizzare le antenne e, naturalmente, da parte dell’informazione riportare gli studi di una certa rilevanza.

Oggi è uno di questi casi. Giungono infatti risultati che fanno molto ben sperare da parte di una nuova cura di immunoterapia messa a punto per stimolare il sistema immunitario contro il tumore. Lo studio è stato battezzato Keynote-024 e ha mostrato un risultato importante: una stima di riduzione del 40% del rischio di mortalità. L’esperimento si è servito di un campione di 305 pazienti, è stato presentato in sessione plenaria – data la sua rilevanza riconosciuta a livello scientifico – al Congresso della Società europea di oncologia medica (Esmo). Successivamente, la stessa ricerca è stata pubblicata sulla rivista “The New England journal of medicine”. Negli ultimi tempi l’approccio verso la medicina della ricerca è sempre più orientata a rintracciare soluzioni attraverso l’attenta analisi del sistema immunitario e, dati i risultati, sembra anche con una certa ragione. In questo caso, nell’ambito dello studio Keynote-024, la molecola che sembra funzionare bene sul nostro sistema di difesa naturale è la pembrolizumab.

Silvia Novello – professore associato di oncologia medica all’Università di Torino – ha spiegato: «È uno studio importante che ha fatto registrare vantaggi enormi per i pazienti che esprimono la proteina PD-L1 sulle cellule tumorali, perché possono evitare le terapie tradizionali e la chemioterapia e accedere a farmaci innovativi con una tollerabilità migliore».

È risaputo infatti come la chemioterapia, per quanto valida, sia spesso molto pesante da reggere per il nostro sistema immunitario e da questa consapevolezza è partito lo studio, cercando di fatto strade diverse da quelle tradizionalmente camminate.

Silvia Novello ha inoltre aggiunto un’altra osservazione importante che è la seguente: «Con questo tipo di cura sarà possibile razionalizzare le risorse, ottenendo risparmi per il Servizio sanitario nazionale perché potremo trattare con il farmaco giusto i pazienti selezionati in base alla espressione di PD-L1 sulle cellule tumorali e continuare quindi il percorso nella medicina di precisione contro una neoplasia, quella del cancro al polmone, che in Italia nel 2016 registra più di 41mila nuove diagnosi».

Nel nostro Paese aumenta la produzione industriale
Apre il Dadi Shop, il negozio gestito da 15 ragazzi con sindrome di Down

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...