Portale di economia civile e Terzo Settore

Nei canali di Amsterdam arrivano i Roboat

2

Non vi meravigliate se molto presto vedrete percorrere sui canali di Amsterdam una flotta di barche robot totalmente autonome, i Roboat, che trasporteranno non solo persone e merci ma monitoreranno anche la qualità delle acque. Ad annunciare l’iniziativa è Robohub, la maggiore comunità scientifica internazionale degli esperti di robotica.

L’innovativo progetto, coordinato dall’ingegnere italiano Carlo Ratti, del Massachussets Institute of Technology (MIT), nasce con l’intento di studiare come i canali d’acqua possano essere utilizzati per migliorare le funzioni e la qualità di vita della città.

La città olandese, dunque, diventerà un vero e proprio laboratorio vivente che fungerà da test per sperimentare queste nuove barche robotiche capaci di raccogliere dati utilissimi all’analisi dell’inquinamento dell’ambiente. Nel 2017 saranno testati i primi prototipi e la fase iniziale del progetto durerà cinque anni.

Obiettivo futuro del progetto sarà quello di utilizzare i Roboat anche per togliere la spazzatura galleggiante che si accumula nei canali.

Ecco il contenuto della legge su bullismo e cyberbullismo
In Germania sbarca un impianto agrofotovoltaico

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...