c10

Pubblicato il 19 settembre 2016

Al via C10: cercasi idee per cambiare le nostre città

Il crowdfunding diventa un prezioso strumento per cambiare in meglio le città del nostro Paese, grazie all’iniziativa promossa da Coca Cola che ha per nome “C10”. «Il progetto vuole supportare le comunità locali nel migliorare la qualità della vita – in particolare nelle aree più svantaggiate – investendo in attività ricreative e offrendo servizi concreti in grado di favorire l’inclusione sociale», spiega Vittorio Cini, direttore comunicazione di Coca-Cola Italia.

Ci sarà un mese a disposizione – fino al 15 ottobre – per partecipare attivamente al progetto, candidandosi e inviando il proprio, da finanziare attraverso l’apposita campagna di crowdfunding sul sito coca-cola.derev.com.

Una volta scaduti i termini di partecipazione, saranno i partner DeRev e Fondazione Eyu a scegliere le migliori idee nate dal basso, trasformandole in realtà. Le città coinvolte saranno: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Verona. In totale, saranno 10 i progetti che verranno scelti, esattamente come le città partecipanti a questa buona iniziativa. Occorrerà poi un mese, il tempo che servirà ai tecnici per valutare ogni singola idea, per conoscere i nomi dei vincitori. In seguito partirà la vera e propria raccolta fondi, con il lancio della campagna di crowdfunding sulla piattaforma De.Rev per trasformare in realtà la bellezza di quanto immaginato per cambiare il profilo della propria città.

Superata anche la fase di raccolta fondi, è già fissata la data di inizio lavori. Si comincerà il 17 febbraio 2017 per terminare entro la fine dell’anno prossimo.

L’innovazione di questa campagna di crowdfunding sta nel fatto che i protagonisti saranno i cittadini, perché, come ha dichiarato Vittorio Cini, «le comunità locali sanno leggersi bene, individuando quali sono i veri problemi di un quartiere, cercando di dare risposte concrete ai reali bisogni delle comunità, investendo in una società migliore».

Il nostro Paese è al primo posto in Europa per donne e giovani inattivi
Sharing economy: gli italiani si dimostrano diffidenti

Tags: , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...