Portale di economia civile e Terzo Settore

Da Venezia a Torino in bici: c’è l’accordo per VENTO

2

Ottima notizia per chi ama andare in bicicletta: la VENTO si farà. Si tratta di una ciclovia lunghissima, che partirà da Venezia per arrivare a Torino, per un totale di circa 680 chilometri. È di recente approvazione, infatti, il Protocollo d’intesa tra il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Ministero dei beni e delle attività culturali e le Regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Un progetto certamente ambizioso ma che promette di coniugare la mobilità sostenibile alla cultura, passando attraverso la promozione del turismo. VENTO collegherà le principali città attraversate dal Po con deviazioni previste verso mete di interesse culturale e paesaggistico tra gli scenari che la Pianura Padana offre. Un modo per aiutare anche lo sviluppo del turismo del nostro Paese e offrire a chi lo visita la possibilità di godere di un’esperienza unica.

Il protocollo, stabilito su richiesta degli assessori ai Trasporti Francesco Balocco e del Turismo Antonella Parigi, conterrà tutte le fasi di progettazione e realizzazione dell’opera per la quale occorreranno 91 milioni stanziati nella Legge di Stabilità nel triennio 2016-2018 per le ciclovie prioritarie a livello nazionale. In tal senso la Lombardia sarà la Regione leader e di conseguenza dovrà anche occuparsi di reperire ulteriori fondi dall’Unione Europea.

L’assessore Francesco Balocco ha spiegato come la realizzazione di un progetto ambizioso quale vuol essere VENTO aumenterà in modo significativo il numero di turisti provenienti dall’estero, soprattutto in previsione del fatto che sono in agenda degli accordi con Trenitalia tesi a favorire il trasporto di biciclette nei vagoni a prezzi ridotti.

Ad oggi non è stata ancora fissata la data d’inizio dei lavori né quando la ciclovia sarà inaugurata.

 

In Europa sono a rischio 12 siti Unesco, di cui 3 in Italia
Ideato un tappeto interattivo che può salvare una vita

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...