Portale di economia civile e Terzo Settore

Proposte di intervento per l’attuazione del Sostegno per l’inclusione attiva – PON “Inclusione” –

5

Scadenza: 30/12/ 2016. 

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) non è altro che una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico a quelle famiglie che riversano in condizioni economiche disagiate laddove almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata. Per godere di questo beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire a un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa sostenuto da una rete integrata di interventi, individuati dai servizi sociali dei Comuni (coordinati a livello di Ambiti territoriali), in rete con gli altri servizi del territorio (i centri per l’impiego, i servizi sanitari, le scuole) e con i soggetti del Terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità.

Tali progetti, grazie all’Avviso pubblico n. 3/2016 appena pubblicato dalla Direzione Generale per l’Inclusione e le politiche sociali, saranno predisposti dagli Ambiti territoriali che dovranno attivare un sistema coordinato di interventi e servizi sociali con caratteristiche specificate nella scheda sottostante. Si precisa che le attività esecutive dei progetti dovranno essere sviluppate preferibilmente nel territorio di competenza dell’Ambito territoriale e comunque nella regione di appartenenza. Qualora gli interventi fossero localizzati fuori della stessa regione, dovranno essere adeguatamente motivati.

SCHEDA
 OBIETTIVI Finanziare interventi diretti a rafforzare la rete dei servizi per la presa in carico e l’attivazione dei nuclei beneficiari del Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) attraverso il supporto agli Ambiti territoriali nello svolgimenti di funzioni (come definiti nelle “Linee Guida per la predisposizione e attuazione dei progetti di presa in carico del Sostegno per l’inclusione attiva“)
 FUNZIONI
  1. servizi di segretariato sociale per l’accesso;
  2. servizio sociale professionale per la valutazione dei bisogni del nucleo e la presa in carico;
  3. interventi per l’inclusione attiva: servizi sociali; servizi socio-educativi; politiche attive del lavoro;
  4. promozione di accordi di collaborazione in rete con le amministrazioni competenti sul territorio in materia di servizi per l’impiego, tutela della salute e istruzione, sostegno all’alloggio, nonchè con soggetti privati attivi nell’ambito degli interventi di contrato alla povertà con particolare riferimento agli enti non profit.
BENEFICIARI Ambiti territoriali e la proposta sarà presentata dall’Ente capofila in rappresentanza dell’ambito.
Si precisa che gli ambiti territoriali dovranno impegnarsi a raggiungere un numero di destinatari non inferiore al 25% dei nuclei familiari residenti nel proprio territorio.
Per l’Azione B (B.3 e B.4 v. pag. 11) si prevede la partecipazione di Partner come i Centri per l’Impiego o di Enti pubblici di formazione ovvero altre strutture pubbliche competenti.
 DESTINATARI  Nuclei familiari che usufruiscono del SIA.
MACRO-AREE
AZIONI
L’avviso individua 3 macro-aree per le azioni ammissibili a finanziamento:

  • Azione A: rafforzamento dei servizi sociali (servizi di segretariato sociale e per la presa in carico, nonché servizi informativi all’utenza);
  • Azione B: interventi socio-educativi e di attivazione lavorativa (tirocini, borse lavoro, orientamento, consulenza e informazione per l’accesso al mercato del lavoro, formazione per il lavoro);
  • Azione C: promozione di accordi di collaborazione in rete, nella quale rientrano tutte le attività destinate agli operatori degli ambiti territoriali, dei centri per l’impiego, dei servizi per la salute, l’istruzione e la formazione, così come le azioni di networking connesse al Sia (accesso, presa in carico, progettazione).
 RISORSE 486.943.523,00 Euro. Tali risorse sono riferite a interventi da realizzare nel periodo 2016-2019 e suddivise tra 3 tipologie di Regioni: più sviluppate, meno sviluppate, in transizione come da riferimento agli assi 1 e 2 del Pon Inclusione (v. tabella avviso pag. 7).
Il budget complessivo di ogni proposta non dovrà essere superiore alla dotazione finanziaria massima assegnata a ciascun Ambito regionale (v. tab.).
 PROCEDURE Il soggetto proponente (Ente Capofila) dovrà presentare una sola proposta progettuale in rappresentanza dell’Ambito territoriale. L’invio andrà effettuato tramite PEC all’indirizzo [email protected], utilizzando esclusivamente il formulario predisposto dall’Autorità di gestione a partire dalle ore 12.00 del 1 settembre e fino alle 16.00 del 30 dicembre 2016. Non dimenticare che per permettere l’identificazione certa dei firmatari, bisognerà dotarsi di firma digitale.
Seguirà una valutazione dei progetti
effettuata da apposite Commissioni nominate dall’AdG composte da referenti del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociale e anche referenti delle Regioni e P.A.
 INFO I soggetti interessati alla presentazione di proposte progettuali, potranno formulare quesiti tramite PEC della Direzione Generale per l’inclusione [email protected] e il responsabile di procedimento sarà la dott.ssa Cristina Berliri, Dirigente della Divisione II della Direzione Generale per l’inclusione e le politiche sociali.
DOCUMENTI  Linee Guida
Decreto
Avviso pubblico n. 3/2016

 

Al via Premio Innovazione Leonardo 2016 - Finmeccanica
Fondimpresa - Avviso 1/2016 - Competitività

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...