Portale di economia civile e Terzo Settore

Oggi a Courmayeur anteprima del Festival delle Nuove Vie

6

Gli attacchi terroristici rendono più che mai vulnerabili le nostre vite e i migranti ne mettono in crisi i valori? Si sta forse avvicinando la data di scadenza dell’Occidente? Le sfide della comunicazione sono amplificate dall’immediatezza dei mezzi digitali? Cosa bisogna comunicare per preservare il nostro modo di vivere? Ha ancora senso parlare di umanesimo e creatività di fronte alle nuove migrazioni? Queste sono alcune delle domande attorno alle quali ruota la sesta edizione del “Festival delle Nuove Vie di Courmayeur che si terrà dal 25 al 27 agosto e che ospiterà i volti più celebri del giornalismo, della letteratura, dell’imprenditoria, dell’avventura e dello spettacolo.

Il Festival delle Nuove Vie avrà un’anteprima con due incontri: sabato 30 luglio, alle 18.00, in cui ci sarà il noto stilista e imprenditore Brunello Cucinelli che approfondirà il tema del “capitalismo umanistico” in compagnia del direttore di GQ, Emanuele Farneti; giovedì 11 agosto, alle 18.00, il presidente dell’Enit e del Museo Egizio di Torino, Evelina Christillin, approfondirà il legame tra turismo e cultura, in un incontro organizzato in collaborazione con la Fondazione Courmayeur Mont Blanc.

Ad aprire il Festival giovedì 25 agosto alle 11.00 sarà il fotografo Oliviero Toscani. Nel pomeriggio, alle 17.30, il pubblico incontrerà due “visionari del turismo”: Michil Costa, albergatore della Val Badia, promotore di una politica sostenibile e una filosofia improntata all’ecologia, e Daniele Kihlgren, imprenditore italo svedese pioniere del borgo diffuso. Alle 18.30 lo scrittore, giornalista e conduttore televisivo Gad Lerner che parlerà di uno dei più grandi temi d’attualità ossia le nuove migrazioni, indagando cause e conseguenze. Infine, alle 21.00 ci sarà Danilo Callegari, esploratore del XXI secolo, che racconterà le sue ultime avventure.

La giornata di venerdì 26 agosto comincerà alle 11.00 con il noto meteorologo Luca Mercalli di “Che tempo che farà”, che parlerà delle sfide dei cambiamenti climatici dopo l’importante accordo della COP21 di Parigi dello scorso dicembre. Alle 17.30 ci sarà l’intervento del Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, che affronterà il tema della lotta al terrorismo islamico e alla mafia. Alle 18.30 la conduttrice televisiva e attrice italiana Milly Carlucci si racconterà al pubblico e svelerà i segreti della comunicazione televisiva. Infine, l’appuntamento delle 21.00 con Beppe Severgnini per capire se esiste davvero una data di scadenza dell’Occidente.

Nella giornata conclusiva, venerdì 27 agosto, si susseguiranno cinque appuntamenti: alle 11.00, il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana, affronterà le sfide della comunicazione nell’era digitale in occasione dei 140 anni del prestigioso quotidiano che ora dirige. Alle 17.30 ci sarà Guido Martinetti, una delle due menti all’origine del marchio di gelato Grom, che parlerà di agricoltura etica e agricoltura estetica, tra esigenze del marketing e sostenibilità. Alle 18.30 ci sarà Linus, amatissimo dj e conduttore colonna di RadioDj, che condividerà con il pubblico la sua vita in movimento, tra microfoni e corse. Dopo la presenza nelle scorse edizioni di grandi chef come Gualtiero Marchesi e Davide Oldani, in questa edizione Courmayeur avrà il piacere di accogliere lo chef e oste, Filippo La Mantia, che presso l’Hotel Royal & Golf darà vita a un appassionante showcooking in compagnia della chef stellata di Courmayeur, Maura Gosio.

Il Festival si chiuderà infine con uno sguardo in prospettiva verticale che ci porterà tra gli Ottomila e le grandi sfide himalayane: alle 21.00 ci saranno gli alpinisti, Marco Camandona e Marco Confortola, reduci della conquista del Makalu, che racconteranno non soltanto di sfide in montagna, ma anche della loro esperienza in Nepal in quanto impegnati da anni ad aiutare la popolazione nepalese dopo il terribile terremoto del 2015.

Per  maggiori informazioni andare sul sito www.festivalnuovevie.it

Evangelical School Berlin Centre: una scuola senza voti né orari
Human Rights Watch denuncia: «Gravi abusi dell'esercito keniano sui popoli somali»

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...