Portale di economia civile e Terzo Settore

Khloe: la bambina che regala borse e sorrisi alle donne senzatetto

6

L’infanzia è l’età delle favole a lieto fine.  Ma anche quella dei sogni e delle grandi speranze per il futuro. Provate a chiedere ai vostri figli, o nipotini, o ai bambini dei vostri amici cosa vogliano fare da grandi. Ballerina, attrice, scienziato, astronauta, veterinario, dottore o addirittura principessa. Ciò che vi sorprenderà non è la risposta in sé, ma la determinazione con cui il bambino è sicuro che un giorno, non molto lontano, farà esattamente ciò che sogna di fare. E poco importa se il giorno successivo alla stessa domanda magari risponderà con una professione completamente diversa. Ciò che conta da piccoli è il qui e ora, è l’assenza di ostacoli all’orizzonte, è la certezza che il proprio destino sia solo ed esclusivamente nelle proprie mani. Poi però gli anni passano e le circostanze della vita impongono scelte più ragionate, problemi a cui far fronte, nuove bocche da sfamare o semplicemente un ventaglio di opportunità professionali decisamente più ampio e variegato. E solo pochi fortunati riescono davvero a diventare ciò che avevano immaginato, e spesso mimato, nell’età dei giochi.

Forse è proprio per scongiurare il pericolo di non poter tagliare il nastro della propria ambizione che una piccola californiana ha deciso di non aspettare un giorno di più per dare vita al proprio sogno, seppur molto ambizioso: fare del bene alle donne in difficoltà.

Lei è Khloe Thompson, 8 anni compiuti, grandi occhioni neri e una marea di capelli sulla testa, raccolti all’occorrenza con codine, trecce o cerchietti, proprio come ogni altra bambina della sua età. Ma ciò che rende la piccola americana “diversa” dalle sue amichette delle elementari è il suo impegno a tutela delle donne più emarginate della società.

Di recente Khloe ha infatti ideato il progetto “Kare Bags”, dove la parola bags (borse) viene abbinata alla parola “care” (cura). L’idea consiste nel creare delle borse, che Khloe disegna e realizza personalmente con l’aiuto di sua nonna, riempirle di tutto ciò di cui una donna ha bisogno per l’igiene e la cura della persona, e poi donarle alle senzatetto della città.

All’interno delle originali sacche trovano spazio saponi, creme, dentifricio e spazzolino, assorbenti, calze e molto altro ancora. Ma ciò che resta alle donne è soprattutto la borsa, realizzata con materiali resistenti così da durare nel tempo. L’obiettivo della piccola californiana è, infatti, di prendersi cura delle donne più povere della società, ma soprattutto di dimostrare loro che, nonostante le avversità della vita, non devono rinunciare alla propria femminilità e alla propria bellezza.

Un regalo fatto con amore, dunque, che le donne sembrano apprezzare particolarmente come testimoniano i loro sorrisi nel ricevere il dono dalle mani della piccola Khloe che si occupa personalmente anche della consegna.

Il progetto ha avuto un tale successo e i genitori della piccola hanno preso così sul serio l’iniziativa della loro bambina da dare vita a un’associazione, chiamata “Khloe Kares” (Khloe si preoccupa o si interessa) che può essere supportata con donazioni in denaro o prodotti, come viene spiegato sul sito dell’iniziativa.

“Khloe’s mission is to serve others no matter how old you are”, si legge sul sito dell’associazione: “La missione di Khloe è aiutare gli altri, indipendentemente dall’età che si ha”.

Ma la piccola californiana non è affatto intenzionata a limitare la sua bontà alle donne senzatetto. Prossimo progetto in cantiere in casa Thompson è infatti quello di aiutare i più piccoli. In che modo? Attraverso un “toy drive”, un mezzo che possa regalare barbie e camion ai bambini che vivono nelle case famiglia. Come spiegano i genitori, infatti, Khloe è consapevole che non tutti i bambini hanno gli stessi privilegi che il destino le ha riservato. Così la scelta di realizzare un evento in un parco dove donare giocattoli ai suoi coetanei e poi giocare con loro.

Perché dopotutto Khloe è pur sempre una bambina, anche se con un cuore immenso.

Vi proponiamo di seguito un video di Khloe in azione.

Obesità infantile e scarsa socializzazione, la cura è lo sport
La Lega del Filo d'Oro è alla ricerca di 36 volontari

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...