Portale di economia civile e Terzo Settore

Dall’Eritrea il passaggio dell’Homo erectus

6

Impronte umane fossili risalenti a 800.000 anni fa sono state portate alla luce nell’attuale Eritrea. Apparterrebbero con ogni probabilità all’Homo erectus, e per il paleoantropologo Alfredo Coppa, coordinatore degli scavi, saranno in grado di spiegare molto sulla storia dell’evoluzione umana.

Questa importantissima scoperta si deve al lavoro congiunto dell’Università “La Sapienza” di Roma e del Museo Nazionale dell’Eritrea che hanno condotto lo scavo nel sito di ad Alad-Amo.

Un Guinness di solidarietà
Il Codex Purpureus Rossanensis torna a casa, è il libro più antico del mondo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...