Portale di economia civile e Terzo Settore

Arriva Babyvez per vendere e scambiare vestiti dei propri figli

6

Passeggini, culle, seggiolini per auto, tutine, e giocattoli hanno un’utilità molto limitata nel tempo e spesso finiscono in soffitta oppure rimangono chiusi negli armadi in quanto si sa che i bimbi crescono a vista d’occhio. Allora perché non scambiarli, regalarli, comprarli e venderli con altri genitori che si ritrovano nella stessa situazione? Da qui nasce Babyvez, il nuovo sito online di compravendita e scambio di abbigliamento e accessori per bambini, da 0 a 12 anni.

L’idea è di un giovane ragazzo modenese, Carlo Alberto Vezzelli, che nella vita amministra condomini e nel suo tempo libero si dedica alla sua più grande passione, ossia la musica.

Come ha raccontato Vezzelli: «Vorrei contribuire a cambiare le abitudini delle persone, invitandole a riutilizzare e riciclare oggetti che, spesso, finiscono nella pattumiera o in soffitta ben prima della conclusione del loro ciclo di vita».

Ciò che differenzia Babyvez dagli altri siti online, che vendono direttamente dalla pagina il prodotto, è che sono le persone a mettere direttamente, senza intermediazioni, il loro annuncio così avviene anche lo scambio o la compravendita dei prodotti.

Grazie al nuovo portale da una parte tutte le famiglie in difficoltà potranno permettersi di comprare abitini o accessori usati a prezzi contenuti e dall’altra parte i genitori che venderanno gli oggetti in disuso riusciranno anche a guadagnare qualcosa.

Il funzionamento del sito è semplice. Basta iscriversi gratuitamente, caricare gli abiti o gli accessori per bambini da vendere oppure scegliere tra quelli da acquistare. Il portale è suddiviso in categorie e sottocategorie quali: abbigliamento bambina, abbigliamento bambino, attesa e allattamento, accessori e protezioni, calzature, giocattoli, passeggio e trasporto.

A questo punto non resta che esplorare gli annunci online su Babyvez e scegliere quali vestitini o giocattoli prendere per i propri figli.

“How far is too far”, l’app per riconoscere i disturbi alimentari degli adolescenti
Viaggiano da Torino a Palermo e se non basta la sedia a rotelle c'è il parapendio

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...