Portale di economia civile e Terzo Settore

In aiuto dei produttori agricoli e alimentari arriva “WOOP food”

10

Da oggi giovani agricoltori, produttori agricoli, aziende alimentari a conduzione familiare o cooperative potranno cercare piccoli finanziamenti dagli utenti della rete per i loro progetti legati alla sostenibilità, alla biodiversità e alle tradizioni. Tutto questo grazie a WOOP food, la prima piattaforma per il crowdfunding dell’agroalimentare sostenibile, che è stata presentata in occasione della seconda edizione di Seeds&Chips, l’evento internazionale dedicato all’innovazione nella filiera agroalimentare.

L’innovativa piattaforma nasce dall’idea di Alessandro Corti, Andrea Sartorio, Eleonora Chiomento, Michela Cannovale e Paolo Cannovale con lo scopo di aiutare lo sviluppo di prodotti agroalimentari italiani certificati, di alta qualità e tradizionali sfruttando il potere delle tecnologie per raccogliere fondi a favore dei migliori progetti di piccoli produttori italiani e restituire così al consumatore il potere di scelta.

Ma vediamo più da vicino come funziona WOOP food. Gli imprenditori agricoli, le aziende a conduzione familiare, le cooperative, i giovani agricoltori e le aziende alimentari possono realizzare la propria campagna sulla piattaforma, raccontando la loro storia e descrivendo il loro progetto. I produttori poi dopo aver sparso la voce per promuovere la loro iniziativa si dovranno impegnare per raccogliere i contributi o i pre-ordini, per poi portare il progetto finanziato alla realtà e infine produrre le proprie specialità.

I progetti selezionati avranno la possibilità di gestire in maniera autonoma il proprio profilo e la propria pagina di crowdfunding. La rete poi farà tutto il resto sostenendo le idee migliori tramite donazioni che partono da 5 euro fino a 2.000 euro, in cambio di ricompense.

Le campagne di successo poi si trasformeranno in vere e proprie produzioni che verranno distribuite e in conclusione WOOP food darà ai produttori l’accesso ai loro negozi online per gestire direttamente i pre-ordini della loro produzione.

Attualmente sono attivi sulla piattaforma di WOOP food i primi tre progetti:

  • Il primo progetto è iOlive, un panel test digitale che consente di migliorare l’attuale sistema di valutazione dell’olio di oliva attraverso assaggiatori certificati in tutto il mondo e aiutare così a smascherare le imitazioni dell’olio made in Italy;
  • Il secondo progetto è King of Truffles, un’azienda impegnata da anni nella ricerca, selezione e vendita di tartufi freschi che si propone di acquistare il materiale per delimitare la zona chiamata la “Tartufaia del Re”, che si trova ai piedi del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e piantare le querce, alberi adatti a realizzare facilmente sulle proprie radici la simbiosi essenziale per far sì che il tartufo possa crescere;
  • Il terzo progetto è Mais Corvino che prevede il finanziamento di Crow, l’unica birra esistente al mondo al mais nero, creata con mais corvino e completamente made in Italy, in quanto viene prodotta a Formigara, in provincia di Cremona.
Genova: cure dentistiche per i più bisognosi grazie a Nicolas Dessypris
"Canto Flegreo", i suoni della Terra diventano un concerto

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...