Portale di economia civile e Terzo Settore

No man’s land, quando l’arte promuove il cambiamento sociale

7

Siamo in Abruzzo, a Loreto Aprutino (Pescara) dove l’artista franco-ungherese Yona Friedman, insieme a Jean-Baptiste Decavèle, con cui collabora già da alcuni anni, ha realizzato la sua opera dalle dimensioni più estese, “No man’s land”.

Si tratta di un progetto che vuole promuovere un cambiamento etico e sociale in grado di trasformare l’idea di proprietà privata in bene comune, attraverso un percorso basato sull’ecosostenibilità promosso da Fondazione Aria.

Sono 7 milioni gli italiani che vivono in zone a rischio frane e alluvioni
Un futuro mai visto: così Fondazione CON IL SUD celebra i suoi dieci anni

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...