Portale di economia civile e Terzo Settore

In Italia il caporalato miete 430 mila vittime

4

Nel nostro Paese aumenta il numero delle vittime del caporalato: sono circa 430 mila, indistintamente italiani e stranieri, e più di 100 mila i lavoratori che vivono in una condizione di grave sfruttamento e vulnerabilità alloggiativa. A rilevarlo è il terzo rapporto “Agromafie e caporalato” realizzato dall’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai Cgil, che dà una fotografia sulla condizione dei lavoratori in agricoltura e delle variegate forme di illegalità e infiltrazione mafiosa nell’intera filiera agroalimentare.

La relazione evidenzia che le vittime del caporalato sono cresciute, tra le 30.000 e le 50.000 persone in più rispetto all’anno scorso. Un fenomeno sempre più allarmante che interessa 80 distretti agricoli, dal Nord al Sud e che per le organizzazioni mafiose e criminali costituisce un’ulteriore fonte di economia illegale che per tutta la filiera agroalimentare è stimata tra i 14 e i 17 miliardi di euro.

Come si legge dal rapporto si tratta di “un vero e proprio terreno di conquista per la criminalità mafiosa e non, con uno sfruttamento che spesso viaggia di pari passo con il fenomeno della tratta degli esseri umani”.

Il caporalato, benché viva una trasformazione in linea con i cambiamenti in atto nel mercato del lavoro che è sempre più flessibile e precario, mantiene le stesse pratiche di sfruttamento. A cominciare dalla mancata applicazione dei contratti, una paga che oscilla tra i 22 e i 30 euro al giorno, inferiore del 50% rispetto a quanto prevedono i contratti nazionali, orari di lavoro che arrivano addirittura a 12 ore, lavoro a cottimo, fino ad alcune pratiche criminali come la violenza, il ricatto, la sottrazione dei documenti, l’imposizione di un alloggio e forniture di beni di prima necessità, oltre all’imposizione del trasporto effettuato dai caporali stessi.

Per quanto concerne, infine, i controlli da parte delle autorità, anch’essi sono aumentati rispetto ai dati relativi al precedente rapporto. Nello specifico, le ispezioni sono cresciute del 59% nell’ultimo anno, ma ciò che allarma sono gli esiti: più del 56% dei lavoratori trovati nelle aziende agricole sono parzialmente o totalmente irregolari, con 713 fenomeni di caporalato registrati dalle autorità ispettive. Un fenomeno che non interessa solo il nostro Paese, in tutta Europa infatti sono circa 880 mila i lavoratori e le lavoratrici di ogni nazionalità sotto il ricatto del lavoro forzato anche a causa delle normative europee che hanno liberalizzato il mercato del lavoro con un conseguente abbassamento del controllo di legalità.

Più lettori se l'editoria diventa accessibile, il progetto della Fondazione Lia
Nel mondo sono 275 milioni i bambini vittime di violenza domestica
1 Comment
  1. […] Placido Rizzotto della Flai Cgil, di cui vi abbiamo dato notizia qualche giorno fa (leggi l’articolo). Per cercare di contrastare questa drammatica piaga sociale, che vede cittadini italiani e […]

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...