Portale di economia civile e Terzo Settore

Pif, “la Iena”, si mette all’asta per Amref

12

Pierfrancesco Diliberto, meglio noto come “Pif”, attualmente conduttore del programma tv “Le Iene”, ha deciso di collaborare con Amref, l’associazione che tutela i bambini africani, attraverso la messa all’asta del suo abito di scena che ha usato durante l’ultima stagione del noto show televisivo.

In questo modo, si potranno raccogliere fondi importantissimi per i minori. L’asta finora ha già ottenuto 7 offerte arrivano alla somma di 250 euro, ma siamo certi che si tratti di un importo destinato a crescere (è possibile controllare l’andamento dell’asta qui). Pif non è nuovo alle collaborazioni con l’Amref, di cui è stato il testimonial nel 2007, recandosi prima in Kenya dove fu girato “Il testimone” che parlava della precaria qualità della vita degli abitanti del posto, e successivamente nel 2011 quando l’Amref lo coinvolse nelle riprese del video “Vucumprà”.

È proprio lo stesso Pif a svelare che potrebbe anche decidere di tornare in Africa per promuovere nuove iniziative di carattere sociale, visto e considerato che per aiutare i popoli africani a volte sono sufficienti piccole somme di denaro, per cui con una piccola donazione si può fare di più per molti.

Qualcuno ricorderà anche che Pierfrancesco Diliberto è stato – e lo è ancora – impegnato sul tema della lotta alla mafia, argomento per il quale ha girato il film “La mafia uccide solo d’estate” recitando anche nel ruolo di attore protagonista. Attualmente, sta collaborando a “Noma” (leggi l’articolo), un’app per smartphone in cui la voce narrante – quella di Pif – racconta le storie di chi ha combattuto e perso la propria vita nelle stragi e negli attentati in Sicilia.

La corsa contro il tempo di due papà
Banca Etica: al via il microcredito per le microimprese

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...