Portale di economia civile e Terzo Settore

Bando “Startup Economia Circolare”

16

Scadenza: 15/09/2016.

Ma cos’è l’Economia circolare?

Innanzitutto, è un termine generico (secondo la definizione della Ellen MacArthur Foundation) per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola.
Ma più semplicemente, è un sistema in cui tutte le attività, a partire dall’estrazione e dalla produzione, sono organizzate in modo che i rifiuti di qualcuno diventino risorse per qualcun’altro.
E’ una tematica, questa, che dopo lo “sviluppo sostenibile” e la “green economy”, è al centro delle politiche ambientali europee in quanto la sua applicazione non solo comporterebbe un aumento della competitività di ogni Paese (utilizzo delle proprie risorse reimmettendole nel ciclo produttivo invece di collocarle in discarica come rifiuti); dall’altro, si creerebbe una forma di economia più collaborativa, che mette al centro non tanto la proprietà e il prodotto in quanto tale, quanto la sua funzione e il suo utilizzo.
In sintesi: bisogna riutilizzare, aggiustare, rinnovare e riciclare i materiali e i prodotti esistenti in quanto ciò che si considerava come “rifiuto” oggi può essere trasformato in “risorsa”.

Seguendo queste linee, Fondazione Bracco in collaborazione con Positive Economy Forum San Patrignano, l’incubatore Speed MI Up e il fondo di investimento Oltre Venture, ha promosso la 1^ Edizione del Bando per Startup impegnate nell’economia circolare allo scopo di promuovere la transizione verso un’economia circolare a favore di una crescita sostenibile, incoraggiare l’imprenditorialità tra i giovani e diffondere i valori dell’economia positiva. I premi del bando Startup Economia Circolare saranno assegnati alle tre startup più meritevoli selezionate.
Il bando si inserisce nell’ambito del “progetto Diventerò”, iniziativa pluriennale di Fondazione Bracco per accompagnare i giovani di talento nel loro iter formativo e professionale, promuovendo percorsi innovativi di consolidamento del legame tra il mondo accademico e quello del lavoro.

SCHEDA
 OBIETTIVI Tre gli obiettivi del bando:

  1. promuovere la transizione verso una economia circolare a sostegno di una crescita sostenibile;
  2.  favorire l’imprenditorialità tra i giovani;
  3. diffondere i valori dell’economia positiva tramite la promozione e realizzazione di nuove catene di valore.
 DESTINATARI 1. Aspiranti imprenditori;
2. Micro, piccole o medie imprese costituite in forma di società di capitali.
REQUISITI  1) Per i primi: possesso di un diploma di laurea (se la domanda viene presentata da un gruppo di aspiranti imprenditori, il requisito della laurea è necessario per almeno uno dei partecipanti al gruppo). Questi, indipendentemente dalla provenienza territoriale, dovranno costituire entro 3 mesi dall’ingresso in Speed MI Up una società di capitali operante in qualsiasi settore di attività, ma sul tema dell’economia circolare, con sede legale e/o operativa in Italia;

2) Per i secondi: iscrizione al Registro delle Imprese di qualsiasi provincia italiana da meno di 20 mesi dalla data di pubblicazione del bando; essere attive e in regola con il pagamento del diritto camerale annuale, se dovuto; non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione (anche volontaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente; avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione.
L’età media del team di ciascuna startup non dovrà essere superiore a 39 anni. Si precisa che i team vincitori dovranno dare la propria disponibilità a seguire il percorso di incubazione a Milano, presso Speed MI Up, seguendo integralmente il percorso di formazione proposto e trascorrendo almeno 3 giorni la settimana nell’incubatore.

PROCEDURE  Il premio per le 3 startup vincitrici consiste in:
• un finanziamento a fondo perduto per ciascuna startup di 5.000 euro al lordo delle ritenute fiscali di legge, sostenuto da Fondazione Bracco per le spese di costituzione della società;
• un anno di incubazione per ciascuna allo Speed MI Up, l’incubatore dell’Università Bocconi e di Camera di Commercio di Milano comprensivo dei servizi di formazione, tutoring offerti dalla Faculty Bocconi e consulenza offerti dalla struttura e descritti qui.
Le spese relative all’incubazione sono a carico di Fondazione Bracco. L’incubazione è subordinata all’accettazione da parte dei vincitori del regolamento e delle norme che Speed MI Up impone alle startup incubate presso le proprie strutture.
SCADENZA  Le domande potranno essere presentate direttamente sul sito fondazionebracco.speedmiup.it a partire dal giorno 26 aprile 2016, ore 9.30 e fino al giorno 15 settembre 2016, ore 12.00 seguendo le istruzioni pubblicate sullo stesso.
Ogni candidatura sarà valutata da un Comitato Scientifico di Valutazione e la decisione finale sarà insindacabile. Le domande saranno esaminate entro il 25 novembre 2016 e al termine di 3 fasi valutative sarà stilata una graduatoria di merito sulla base della valutazione della documentazione inviata. Il punteggio massimo è di 100 punti, ma quello minimo per essere ammessi è 65.
Bando per l'insediamento di giovani in agricoltura
"Contributi nuove imprese giovani stranieri"

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...