Portale di economia civile e Terzo Settore

Da oggi i non vedenti potranno conoscere il contenuto delle foto di facebook

15

Nel mondo ci sono 39 milioni di persone non vedenti e più di 246 milioni di individui che hanno serie disabilità visive. Alla difficoltà di convivere con una forma di disabilità, per qualcuno potrebbe aggiungersi anche il senso di esclusione dovuto all’impossibilità di partecipare alle discussioni incentrate sui contenuti che vengono condivisi sui social network. Proprio in virtù di ciò il più grande social network del Pianeta, Facebook, ha lanciato una nuova funzione di automatic alternative text, ossia il testo automatico alternativo, che grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale consente ai non vedenti di conoscere il contenuto visivo delle foto che vengono condivise quotidianamente da circa un miliardo di utenti.

Questa rivoluzionaria invenzione è di Matt King, un ingegnere di Facebook, che per un problema agli occhi ha perso la vista e ha deciso di trovare una soluzione per lui e per tutte le persone con la stessa disabilità per poter accedere ai contenuti ascoltando la descrizione automatica delle foto. Si tratta di una grande innovazione che ha come obiettivo principale quello di abbattere le barriere digitali rendendo accessibile a tutti i social network.

Attualmente il servizio è disponibile in inglese e solo per iOS sul sistema operativo di Apple per Iphone, iPod touch, iPad e molto presto sarà utilizzabile anche per Android.

Prima vi era soltanto la possibilità di sentire il nome della persona che aveva condiviso la foto, seguito dal termine “foto”. L’Automatic Alternative Text permette di riconoscere figure che rientrano nelle categorie trasporti, natura, sport e cibo.

Il passo successivo del team sarà quello di aumentare gli elementi riconoscibili dal computer e convertibili in parole.

Scuola in Real Time: studenti a caccia di fondi per lavorare con i disabili
10 litri di acqua per un giorno: le star raccolgono la sfida

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...