Portale di economia civile e Terzo Settore

Il progetto “Abitare solidale” conquista la Toscana e approda a Bologna

11

Recentemente, abbiamo avuto modo di parlare dell’Auser (Associazione per l’invecchiamento attivo) attraverso l’approfondimento di Valerio Roberto Cavallucci (leggi l’approfondimento) che ci illustrava l’ultimo lavoro dell’associazione: Il saper fare. Viaggio nell’Italia della solidarietà”.

L’ultima importante notizia è che l’Auser Volontariato, dopo aver dato vita al progetto “Abitare Solidale” in Toscana nel corso del 2009, ha pensato di replicare la buona prassi anche a Bologna. Progetto encomiabile e di successo, soprattutto se visto in un’ottica di inclusione sociale e lotta all’emarginazione, perché prevede una coabitazione basata sul reciproco sostegno da parte di persone che quotidianamente devono affrontare i rischi legati all’isolamento sociale. Ci riferiamo quindi agli anziani con un buon grado di autosufficienza, alle donne vittime di violenza, ma anche agli inoccupati o comunque a tutte quelle persone che versano in gravi difficoltà economiche.

Finora le coabitazioni già attivate sono circa 200 a fronte di una richiesta molto più ampia pari a un migliaio. Di qui la replicabilità del progetto, dalla Toscana a Bologna, per la quale occorrerà l’adesione delle associazioni del Terzo settore.

Come spiega Luigi Pasquali, direttore Auser di Bologna: «La nostra non è una risposta all’emergenza abitativa ma un lavoro di rigenerazione di relazioni solidali e di sviluppo di comunità».

In pieno accordo con quella che è la linea etica dell’Auser, lo scopo è quindi quello di ricreare intorno alle persone che faranno parte del progetto, un ambiente sereno basato sul concetto di fiducia tanto personale quanto però interpersonale. In un’ottica in cui l’innovazione non prescinde dalla persona, ricollocata al centro delle reti sociali, un progetto fondato su questi princìpi non può che essere di sicuro successo, favorendo la reintegrazione di soggetti a rischio e l’emancipazione sociale.

A Bologna sbarca Crowdfest, il primo festival dedicato al crowdfunding
Il Parco Nazionale d’Abruzzo è il preferito dagli italiani
1 Comment
  1. […] Il nostro progetto al via in Emilia Romagna: grazie all’impegno di Auser Nazionale e all’entusiasmo di Auser Bologna, Abitare Solidale prenderà avvio anche nel capoluogo emiliano con una prima fase sperimentale che s…. […]

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...