Portale di economia civile e Terzo Settore

E’ partito il contest video “Donare, molto più di un semplice dare”

6

Una grande opportunità per tutti gli studenti delle scuole medie inferiori o superiori che abbiano voglia di raccontare la loro esperienza personale di dono oppure il significato stesso di donare attraverso un video arriva dall’edizione 2016 del contest video “Donare, molto più di un semplice dare” lanciato dall’Istituto Italiano della Donazione (IID) in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (Miur).

Come ha dichiarato Edoardo Patriarca, il presidente dell’Istituto Italiano della Donazione: «Vogliamo che siano i giovani i primi protagonisti del Giorno del Dono e la collaborazione con il MIUR è il valore aggiunto di questo percorso che anche nel 2016 riproporrà il dono come valore centrale per una società sana».

Saranno tre i video che verranno premiati durante un grande evento che si svolgerà a Roma il 4 ottobre, data in cui si celebra il Giorno del Dono, istituito dal Parlamento italiano con lo scopo di offrire ai cittadini la possibilità di acquisire una maggiore consapevolezza dell’apporto che le scelte e le attività donative possono portare allo sviluppo della società.

La scorsa edizione del concorso ha visto la partecipazione di circa 40 scuole e più di mille studenti. Le tre scuole vincitrici del primo contest video sono state: la scuola media “Lorenzo Milani” – Policoro (Matera) con il video “Il cartone della tolleranza”, il liceo linguistico “Alberico Gentili” di San Ginesio (Macerata) con il video “Sincronizzazione pezzi” e il liceo classico “Giacomo Leopardi” (Recanati) con il video “La semplicità del donare”.

Tra le principali novità di quest’anno, oltre al premio per le scuole, verrà istituito insieme ad Anci un premio per i Comuni che mobiliteranno i territori a partecipare al Giorno del Dono 2016 (#DonoDay2016) realizzando iniziative specifiche. Poi verrà messo a disposizione un servizio di geo-localizzazione di Google creato per consentire a tutte le persone di conoscere la scuola o il Comune che partecipa al concorso per seguire da vicino oppure aderire in prima persona alle varie iniziative di interesse. Infine, occuperanno un posto di rilievo le Organizzazioni Non Profit (ONP), con uno sguardo particolare verso i soci IID.

 

Referendum sulle trivellazioni: ecco le ragioni del "SI" e del "NO"
Andirivieni: la buona pizza che fa anche inclusione sociale

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...