Portale di economia civile e Terzo Settore

Disturbi del sonno: a Chieti screening gratuito per la sindrome delle apnee ostruttive

27

Sono in tanti nel nostro Paese a soffrire di apnee notturne dette anche OSAS, Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno. Si stima che circa il 20% della popolazione italiana ne sia colpito.

La Sindrome delle Apnee Ostruttive è una malattia del sonno che porta ad avere durante il giorno sonnolenza accentuata, disattenzione, irritabilità. Un comportamento che alla guida può essere molto pericoloso ed essere all’origine di incidenti stradali. Secondo dati Istat, infatti, sono 40.000 in Italia e circa 240.000 in tutta l’Unione Europea gli incidenti stradali causati da questo disturbo. Inoltre, si può andare incontro anche a ipertensione, ictus, infarto. E’ dunque importante diagnosticarla e curarla.

Proprio in ragione di questo in occasione della Giornata Mondiale del Sonno, venerdì 18 marzo dalle ore 9 alle 13 il Centro di Screening per i disturbi ostruttivi del sonno dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, in collaborazione con la Asl Lanciano Vasto Chieti, offre presso l’Ospedale Policlinico “SS. Annunziata” di Chieti uno screening gratuito per Disturbi del sonno per le persone che soffrono di problemi d’insonnia che derivano da difficoltà respiratorie.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di aumentare la conoscenza e la consapevolezza di questa sindrome.

Come dichiara il responsabile del Centro di screening, il professor Giampiero Neri: «Ai cittadini, che invitiamo a partecipare, offriremo la consulenza specialistica di esperti in disturbi ostruttivi del sonno, otorinolaringoiatri, odontostomatologi, neurologi e pneumologi. Dormire è importante e fare prevenzione sul sonno può migliorare la qualità della nostra vita».

Per usufruire di tale servizio è semplice. Basta recarsi all’ingresso dell’ospedale, dove saranno disposti appositi banchetti per le prenotazioni gratuite.

Il tour “Una sana alimentazione” sbarca in Sicilia
In Italia oltre un milione di famiglie vive in povertà assoluta

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...