Portale di economia civile e Terzo Settore

La miglior insegnante al mondo è la palestinese Hanan al-Hroub

13

Un’insegnante palestinese di Betlemme, Hanan al-Hroub, ieri 13 marzo è stata eletta la migliore insegnante del mondo vincendo l’ambito “Global Teacher Prize 2016, ossia quello che viene definito “il premio nobel per gli insegnanti”, realizzato dalla Varkey Foundation. A dare l’annuncio è stato Papa Francesco.

Hanan al-Hroub è stata scelta tra circa 8.000 insegnanti provenienti da ogni parte del mondo per la sua toccante storia e il suo contributo singolare alla professione “focalizzato sulla non violenza, un insegnamento attraverso il gioco e il metodo di relazione con gli studenti con problemi di comportamento originati dalle violenze a cui sono soggetti a causa dell’occupazione israeliana”.

L’insegnante palestinese, originaria del campo profughi di Deisha (Betlemme), è nata in un contesto in cui la violenza era ed è tutt’ora all’ordine del giorno e per tale motivo è dovuta crescere più in fretta. Il padre dei suoi figli fu colpito dal fuoco dell’esercito mentre tornavano da scuola proprio davanti ai loro occhi. Tale evento fu così scioccante e traumatico che condizionò profondamente il comportamento, la personalità e i voti dei suoi figli. Hanan al-Hroub si ritrovò da sola ad affrontare tutto questo senza neanche essere aiutata dagli insegnanti. Così decise di inventare dei nuovi metodi di apprendimento attraverso il gioco, coinvolgendo anche i figli dei vicini.

Come racconta lei stessa: «Poco dopo aver iniziato queste attività ho riscontrato netti miglioramenti nei miei figli: cresceva la sicurezza in loro stessi e miglioravano anche i voti a scuola. Per questo decisi di cambiare il mio indirizzo di laurea e diventare un’insegnante. Le violenze cui sono soggetti i bambini palestinesi, non sono solo fisiche, molti bambini subiscono violenze psicologiche non apparenti, sono inseriti in un ambiente aggressivo, ricevendo input negativi anche dalle immagini che riportano i media: per questo mi sono focalizzata sull’approccio non violento per la risoluzione dei conflitti personali».

Non a caso la sua vittoria è stata definita da Sabri Saidam, ministro dell’Educazione dell’Autorità nazionale palestinese “un successo per la Palestina e gli insegnati palestinesi”.

Per quanto riguarda gli altri classificati c’è: Aqeela Asifi, un’insegnante che in un centro rifugiati in Pakistan insegna a ragazze afgane e pakistane; Ayub Mohamud che insegna religione in Kenya; Colin Hegarty che in una classe inglese motiva i suoi studenti all’apprendimento della matematica attraverso il web con la produzione di 1500 video presenti su YouTube; Joe Fatheree che in America si avvale della musica, dei cortometraggi e dei libri per coinvolgere gli studenti; Kazuya Takahashi che in Giappone impiega innovativi metodi per sviluppare la creatività degli allievi; Maarit Rossi che in Finlandia riesce a far apprezzare la matematica ai suoi alunni; Michael Soskil che con gli studenti della Wallenpaupack South Elementary School americana realizza progetti ambientali e solidali; Richard Johnson che in Australia ha trasformato le sue lezioni in laboratori di robotica per avvicinare i suoi allievi alle più moderne tecnologie; Robin Chaurasiya che a Kamathipura, la zona a luci rosse di Mombai, insegna alle ragazze che possono cambiare il loro destino attraverso l’istruzione.

Brasile: la lotta di un villaggio contro la multinazionale
Milla Brollo e la pedalata della solidarietà
1 Comment
  1. […] Anche l’Italia avrà il suo premio dedicato ai migliori insegnanti del Belpaese. Nei giorni scorsi il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha annunciato l’iniziativa, dal titolo Italian Teacher Prize, gemellata con il Global Teacher Prize, meglio conosciuto come il Nobel dei docenti (leggi l’articolo). […]

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...