Portale di economia civile e Terzo Settore

In aiuto degli studenti ischitani arriva il progetto YEP!

21

Per facilitare il passaggio dalla scuola al mondo del lavoro dei giovani ischitani arriva “YEP!” (Youth Empowerment Program), un progetto dell’associazione di volontariato Gabbiani Onlus e che rientra tra le iniziative finanziate dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel settore Giovani per il Sociale.

Scopo principale di questo utilissimo progetto è quello di agevolare l’orientamento e il ri-orientamento degli studenti dell’isola di Ischia, attraverso percorsi di coaching studiati in loro aiuto, nei processi decisionali connessi allo snodo dopo le scuole medie, con la scelta dell’indirizzo della scuola secondaria di secondo grado, e al bivio seguente, al termine del ciclo delle superiori, con la scelta di un percorso universitario oppure con l’inserimento nel mondo lavorativo.

«La sfida di realizzare il lavoro dignitoso per tutti sull’isola», come si legge nella mission di “YEP!”, «coinvolge soprattutto i giovani, che nell’ultimo decennio, affacciandosi al mondo del lavoro, hanno trovato una realtà profondamente deteriorata».

L’isola d’Ischia è contraddistinta da un tipo di economia terziarizzata e da un aumento della popolazione non attiva, ma anche da una larga fascia di occupazione occasionale non qualificabile e da una mobilità tra settori diversi da parte dei lavoratori, causa la stagionalità dell’occupazione turistica. Pertanto, tali aspetti rendono complesso il mondo del lavoro e ancor di più i processi di ricerca e di orientamento da parte delle nuove generazioni.

Proprio in virtù di questo, “YEP!” si rivolge, nei diciotto mesi della durata dell’iniziativa, a una popolazione studentesca di circa duemila unità e anche alle loro famiglie per offrire un supporto concreto nei processi decisionali, in particolar modo per quanto riguarda l’approccio al mondo del lavoro e dell’università.

Inclusione sociale: migranti all'Istituto Vasari per imparare a cucinare
Turismo: il social eating sbarca nelle dimore di charme

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...