green-economy

Pubblicato il 26 gennaio 2016

La Toscana regina della green economy

La Toscana è la regione italiana che crede di più negli investimenti sulla green economy e sono le cifre a stabilirlo: nel corso del 2015 sono state circa 4.000 le assunzioni registrate nei settori che operano a favore dell’ambiente.

Durante un seminario sul futuro del green jobs, che si è tenuto il 20 gennaio scorso e promosso dalla Cgil Toscana, è intervenuto il segretario del sindacato, Mirko Lami, che ha dichiarato: «Nell’economia verde ci sono grandi occasioni che non dobbiamo perdere, c’è bisogno di un netto cambio di mentalità, facendo proprie la cultura del riciclo e in generale dell’ambiente. L’agroalimentare è il settore con le migliori potenzialità, come dimostra il polo piombinese, che prevede nel suo progetto di rilancio numerosi posti di lavoro in ambito green, oltre che nelle bonifiche e nelle demolizioni».

Da sottolineare è inoltre come la Toscana faccia parte del progetto europeo Egrejob (Euro-mediterranean green jobs), che punta alla promozione dello sviluppo economico, ambientale e socio-culturale della green economy nei paesi che fanno parte dell’area mediterranea.

L’incremento di investimenti ha visto una crescita anche a livello nazionale. Sono infatti state più di 370.000 le aziende che hanno scommesso sul settore “green” per un valore economico complessivo che supera abbondantemente i 100 miliardi di euro.

Considerando i dati sembra che l’Italia, seguendo anche il buon esempio delle regioni leader come la Toscana, sia decisa a muovere ulteriori passi verso un futuro basato su energia pulita e sostenibile.

Il Binario dei Desideri: pasti, barba e cinema per i senza tetto
Repubblica Centrafricana: quasi 2,5 milioni di persone soffrono la fame

Tags: , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...