Portale di economia civile e Terzo Settore

MusicaInGioco: l’educazione musicale come lotta al disagio

12

Utilizzare la musica come strumento di stimolo dell’intelligenza, di educazione sociale e personale dei più piccoli, dando la precedenza alle situazioni di disagio socio-economico, disabilità, disturbi dell’apprendimento. Questo è il lodevole obiettivo del progetto didattico sperimentale MusicaInGioco che sbarcherà anche a Lecce entro febbraio 2016 con un laboratorio per l’accesso libero e gratuito dei bambini ai benefici della musica.
Si estenderà così ulteriormente la rete che la onlus MusicaInGioco dal 2010 ha sviluppato ad Adelfia nella provincia di Bari con la sua didattica reticolare e che ha raggiunto in tutta la Puglia circa 1.500 bambini tra i 7 e i 13 anni donando loro lezioni e strumenti e la grandiosa possibilità di far parte dell’Orchestra regionale infantile.

Tale progetto artistico e culturale si ispira al modello venezuelano di Josè Antonio Abreu, musicista ed ex ministro della cultura che nell’arco di un trentennio e con sovvenzioni pubbliche ha progettato una rete d’istruzione musicale coinvolgendo 250 mila ragazzi, di cui il 90% provenienti da famiglie povere.

Dei 1.500 bambini che formano l’orchestra regionale circa il 30% presenta disturbi dell’apprendimento tra cui dislessia, deficit di attenzione e iperattività, un altro 30% si trova in situazioni familiari di disagio socio-economico, il 10% invece ha problematiche più complesse tra cui sindrome di Down e disturbi dello spettro autistico.

«Tutti i bambini», spiega Andrea Gargiulo, musicista, professore di formazione corale, direttore artistico della onlus, «quelli che presentano difficoltà specifiche o che sono spinti dalla semplice passione per la musica, cominciano il laboratorio senza alcuna formazione musicale pregressa. Fin dal primo giorno viene consegnato loro uno strumento, scelto insieme a loro stessi in base alla propensione, alle caratteristiche fisiche, alle abilità di ciascuno. Ogni lezione, una volta a settimana, è diversa dall’altra e gli stimoli arrivano da attività diverse tra cui percussioni, attività corale, improvvisazione creativa, giochi didattici».

MusicaInGioco è stato finanziato nell’ambito del programma pugliese Bollenti Spiriti per le politiche giovanili 2014-2015 e porta avanti le proprie attività gratuite anche grazie al supporto delle donazioni, degli sponsor e dell’azione volontaria di coloro che credono in questo ambizioso progetto.

Al di là della base formativa MusicaInGioco di Adelfia, docenti e nuclei che svolgono la stessa attività sono presenti anche presso l’Art Village di San Severo e presso il Laboratorio Arte Musica Spettacolo (LAMS) di Matera. La collaborazione tra MusicaInGioco, Art Village e LAMS ha portato alla costituzione di un’orchestra regionale infantile formata da più di 200 bambini che frequentano le scuole elementari della Regione Puglia. Pertanto, faranno parte dell’orchestra anche i circa 25 bambini che accederanno al nuovo laboratorio di Lecce, promosso dalla base MusicaInGioco insieme alla Biblioteca interculturale del Salento, progetto nato nel 2015 dall’associazione Salento Crocevia.

Le nove città finaliste dell'European Capital Innovation Award 2016
Il Binario dei Desideri: pasti, barba e cinema per i senza tetto

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...