Portale di economia civile e Terzo Settore

Benvenuti a Grenoble, la città a misura d’uomo

36

A partire dal 1° gennaio 2016 chi si è recato a Grenoble, in Francia, è stato accolto da diversi cartelli con la scritta “Benvenuti in una metropoli attenuata”.

Tale definizione non è affatto casuale perché la città presenta un limite di velocità fissato a 30 km/h per oltre l’80 per cento delle vie cittadine, mentre solo sulle grandi strade periferiche è possibile raggiungere i 50 km/h.

Il sindaco Eric Piolle, in carica da 18 mesi, ha fatto notare come, grazie a questo provvedimento, il rischio di collisione tra automobilisti si sia ridotto di 9 volte rispetto al passato, senza contare i benefici derivanti dalla diminuzione dell’inquinamento acustico e dell’aria.
Il primo cittadino della città francese a tal proposito ha argomentato: «Il nostro obiettivo è riequilibrare la città, che è stata costruita a misura di automobile. Perché lo spazio urbano non è solo uno spazio di circolazione, ma uno spazio di vita».

A cominciare da questo stile e filosofia di vita, sono state prese delle importanti decisioni per quanto riguarda la viabilità in città: i tram si muovono unicamente grazie a energia pulita, i bus sono ibridi e dunque non alimentati né a benzina né a diesel, molto diffusi sono i “metroveli”, delle particolari biciclette messe a disposizione dal Comune per i cittadini e che sono affittabili al costo praticamente simbolico di 10 centesimi a ora.

Fa riflettere anche la scelta di rinunciare ai cartelloni pubblicitari, che di fatto sono stati tutti rimossi a vantaggio di alberi e vegetazione varia nel rispetto dell’ambiente.

Per chi all’auto non può proprio rinunciare sono state pensate delle offerte sostenibili che vanno dal car sharing tradizionale fino a un abbonamento per chi guida in modo saltuario; in quest’ultimo caso è sufficiente iscriversi su un’apposita piattaforma web e prenotare un’auto già parcheggiata in città.

Tuttavia la sorprendente novità degli ultimi anni è una partnership stabilita tra il Comune, la società specializzata Cité Lib, la Toyota e la Sodetrel (un’impresa che fornisce le infrastrutture necessarie), attraverso cui è possibile muoversi anche “nell’ultimo miglio”, quello che di solito è al di fuori dell’area di competenza dei mezzi pubblici.

Questo servizio è stato battezzato Ha:Mo (Harmonious Mobility) e Grenoble è l’unica città europea a usufruire di questo servizio che la Toyota ha lanciato solo in Giappone.
Si tratta di qualcosa di veramente innovativo: parliamo di circa 70 minicar elettriche, 35 monoposto e 35 “tricicli chiusi”, detti “I-Road”.

Attraverso questa varietà di mezzi è possibile spostarsi e parcheggiare da una parte all’altra della città, tenendo sotto controllo mediante il cellulare i posti disponibili nelle paline di ricarica elettrica previsti sul territorio.

Verrebbe da pensare a costi esorbitanti per chi sceglie questo tipo di soluzione, invece tutto questo è possibile pagando pochi euro l’ora.

Per tutte queste ragioni Grenoble è sicuramente una città che rappresenta un ottimo esempio di come sia possibile coniugare un’ottima innovazione ambientale alle possibilità economiche della collettività, il tutto migliorando la qualità della vita dei cittadini.

Progetto Civibanca 2.0: crowdfunding in aiuto delle associazioni del Nordest
Ruben, il ristorante “sensibile”

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...