scuola digitale

Pubblicato il 15 gennaio 2016

Miur, Fastweb ed Eppela uniti per una scuola digitale

Buone notizie sul fronte scuola. Ieri presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato firmato un protocollo d’intesa fra il Miur, Fastweb ed Eppela che pone al centro il progetto FastUP School nato per consentire la realizzazione, attraverso il crowdfunding, di progetti di innovazione delle scuole. Le idee che, tramite Eppela, avranno raccolto dalla rete il 50% del budget richiesto verranno cofinanziate da Fastweb per il restante 50%.
Nello specifico, FastUP School cofinanzierà iniziative, servizi e applicazioni innovative per avvicinare gli studenti alla tecnologia e per ottimizzare la didattica attraverso il digitale. Ad esempio, verranno selezioni i migliori progetti volti a creare applicazioni utili per l’apprendimento, strumenti e nuove tecnologie digitali, piattaforme digitali a supporto di bisogni educativi particolari, corsi di coding e programmazione, proposte formative sull’uso responsabile di internet, strumenti digitali per il dialogo scuola-famiglia.

Pertanto, le scuole che vogliono presentare un progetto digitale innovativo possono partecipare a FastUP School. Tra tutti i progetti avanzati, i più brillanti saranno scelti attraverso Protocolli in rete, un applicativo del Miur che permette la gestione trasparente ed efficace dei protocolli d’intesa e dei bandi. I progetti finanziati poi saranno seguiti per circa un anno dal team di Fastweb ed Eppela, con preziosi e utili consigli per il loro avvio e sviluppo.

Silver Lockit: la promessa di Unicef e Vuitton per i bambini
Scuola in ospedale: 180.000 euro per tecnologie e laboratori mobili

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...