Portale di economia civile e Terzo Settore

Lettura: Italia maglia nera, lo conferma l’Istat

6

Per l’Istat l’Italia si conferma maglia nera per quanto riguarda la lettura. Sullo stesso filone dei dati negativi del 2014 anche il 2015 si chiude con un quasi 60% del totale della popolazione che durante i dodici mesi non ha letto neanche un libro.

La fascia d’età in cui si legge di più è quella giovanile, compresa tra gli 11 e 19 anni, con un buon 50% che legge per motivi extrascolastici. Peccato che i dati precipitino immediatamente dopo perché, crescendo, l’allontanamento dai libri diviene praticamente sistematico.

Malissimo il Mezzogiorno: legge meno di una persona su tre, Sicilia e Puglia ancora le ultime in classifica con un penoso 70% circa a testa di gente che ignora i libri.
Non che poi nel Nord Italia ci siano particolari motivi per festeggiare, ma perlomeno circa il 48% dichiara di aver letto almeno un libro durante il 2015.

La scuola non pare esercitare un grande incentivo alla lettura e, comunque, da sola può poco; la famiglia, contrariamente, risulta determinante a riprova di come l’ambiente in cui si vive influisca sulla condotta delle persone. Quasi il 67% dei ragazzi fino a 14 anni legge se lo fanno i genitori.

Le donne si confermano lettrici più assidue rispetto agli uomini e lo fanno già a partire dai 6 anni: quasi il 49% contro il solo 35% del totale maschile.

In generale si legge di più nelle aree metropolitane del Paese dove le motivazioni alla lettura appaiono più convincenti, attraverso l’organizzazione di eventi culturali, proposte e alternative di maggiore varietà.
Resiste “lo zoccolo duro” dei lettori, rappresentato da coloro che leggono uno o più libri al mese, con quasi il 14%.

Innovazione: l'invenzione che sconfigge i germi in volo
Un parco a Villa Verde: il sogno dei genitori di Aurora

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...