lotta all'usura

Pubblicato il 3 gennaio 2016

Lotta all’usura: il MEF stanzia 12 milioni di euro

Per contrastare l’usura il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha stanziato 12 milioni di euro, tramite uno speciale Fondo, dedicato a selezionate fondazioni e associazioni del Terzo settore e ad alcuni Confidi, ossia Consorzi di imprese, per sostenere aziende e famiglie a rischio di usura nel corso dell’anno 2016.

«L’usura è un fenomeno criminale diffuso, con intensità diverse, su tutto il territorio nazionale», ha dichiarato il Ministero, «e trae forza da situazioni in cui piccole imprese e nuclei familiari hanno difficoltà di accesso alla liquidità. La garanzia statale, che favorisce l’accensione di prestiti del circuito bancario, serve dunque a prevenire l’esclusione finanziaria di soggetti deboli, che senza una forte garanzia rischierebbero di essere preda dei canali illegali del credito».

Grazie al Fondo per la prevenzione di tale allarmante femeno, dal 1998 fino ad adesso, il Dipartimento del Tesoro del MEF ha elargito complessivamente circa 600 milioni di euro finalizzati alla concessione di garanzie. Pertanto, il Fondo, alimentato anche con le entrate delle sanzioni antiriciclaggio, ha permesso di garantire 81.000 finanziamenti, per un importo totale di più di 1,9 miliardi di euro. I contributi del Fondo sono conferiti, con vincolo di destinazione, ad associazioni e fondazioni del Terzo settore che svolgono attività di assistenza e solidarietà per aiutare persone in difficoltà economiche e anche a Confidi dello stesso settore produttivo oppure della medesima area geografica, che svolgono un’attività di tipo mutualistico diretta alla prestazione di garanzie per agevolare le imprese associate.

Consumo responsabile: i primi biscotti senza olio di palma del Mulino Bianco
Rwanda: un film per fare la differenza

Tags: , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...