Rand Abdelbur - foto ansa

Pubblicato il 13 dicembre 2015

Rand Abdelbur, l’artista che dipinge i volti delle donne stuprate in Giordania (foto Ansa)

Si chiama Rand Abdelbur, usa colori accesi, incandescenti, per trasmettere tutto il senso di una violenza subìta. Le sue opere si sono imposte in maniera così preponderante che sono state oggetto  di una mostra fografica inaugurata ad Amman recentemente.

A raccontare la storia di questa coraggiosa pittrice sono state due ragazze italiane, Marta Bellingreri e Marta Malaspina che dicono dell’artista: «usa il suo pennello come arma di dibattito politico e infrange il tabù della violenza sessuale disegnando le donne violentate, nel giorno in cui sono costrette a sposare il loro carnefice. I motivi dei loro vestiti sono gli stessi delle tende sotto le quali tradizionalmente ci si sposa, ma sotto le quali avvengono pure i funerali. La mostra di Rand inaugurata ad Amman mostra al pubblico il dolore interiorizzato di una donna violentata, in cui il giorno del matrimonio è come un funerale».

Esplode in un abbraccio la felicità di un profugo siriano appena arrivato in Grecia (foto Ansa)
L'arte nasce anche da uno scarabocchio

Tags: , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...