Save the Children promuove la cultura nel Mezzogiorno

Pubblicato il 1 dicembre 2015

Save the Children promuove la cultura nel Mezzogiorno

In Italia il 64% dei bambini, tra i sei e i diciassette anni, purtroppo non ha visitato un museo, non è andato a concerti, non ha letto un libro, non fa attività fisica regolare, praticamente non ha accesso all’arte e allo sport. Percentuali che aumentano in Sicilia (79%), Calabria (78,4%) e Puglia (74%). Questo è quanto emerge dall’Atlante dell’infanzia di Save the Children.Per fronteggiare ciò è stato lanciato “Arte alla luce”, il progetto nato dal Protocollo d’intesa fra Save the Children e il Mibact-Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane.

Si tratta di un straordinaria iniziativa che interesserà circa 50 ragazzi e ragazze dai tredici ai diciassette anni, delle città di Palermo, Gioiosa Jonica e Bari, e vedrà coinvolti tre artisti, Massimo Grimaldi, Domenico Mangano e Adrian Paci, che li accompagneranno, per tre giorni in ciascuna città, nell’elaborazione di un percorso artistico. Il workshop sarà preceduto da due settimane di incontri e formazione.

“Arte alla luce” si svolgerà all’interno dei Punti Luce di Save the Children di Palermo, Gioiosa Jonica e Bari, le strutture socio-educative aperte dall’organizzazione in 9 regioni, con l’obiettivo di contrastare la povertà educativa dei bambini, proponendo attività formative e creative.

«La povertà educativa blocca sul nascere le aspirazioni e le prospettive di futuro di troppi bambini», spiega Raffaela Milano, direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children, «soprattutto quelli che vivono nei contesti più svantaggiati. Con questo progetto, ragazzi e ragazze potranno misurarsi direttamente con il mondo dell’arte, mettendo in opera i propri talenti e la propria creatività, così come dovrebbe accadere nel percorso di crescita di ogni minore».

Il primo week end di arte, pertanto, si terrà il 18-20 dicembre a Palermo, che vedrà coinvolti circa 20 ragazzi e ragazze del Punto Luce di Save the Children a Zisa e del quartiere Zen 2, accompagnati dall’artista Domenico Mangano. Il progetto continuerà poi l’8-10 gennaio 2016 presso il Punto Luce Save the Children a Bari, con l’artista Massimo Grimaldi e il 26-28 febbraio presso il Punto Luce Save the Children di Gioiosa Jonica, con la partecipazione dell’artista Adrian Paci.

Muri flessibili, in caso di emergenze oggi c'è Texile Wall
Trionfano le italiane su innovazione e idea d’impresa

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...