Dalai Lama

Pubblicato il 1 dicembre 2015

Clima: la petizione dei religiosi ha raccolto finora 320 mila firme

Sono oltre 320 mila le firme già raccolte nell’ambito della petizione lanciata dai leader religiosi di tutto il mondo sulla piattaforma dedicata Change.org per sollecitare i governi ad assumere impegni concreti contro i cambiamenti climatici.

Mentre a Parigi i potenti del mondo sono riuniti da ieri per affrontare il tema in occasione del Cop21, la conferenza mondiale sul clima, cittadini ed esponenti religiosi si mobilitano attraverso iniziative che finora hanno coinvolto migliaia di persone portando anche a scendere in piazza domenica scorsa (leggi l’articolo).

Il tema dei cambiamenti climatici e delle disastrose conseguenze che questi stanno già avendo e potranno continuare ad avere anche in futuro coinvolgono da vicino tutti i cittadini che appaiono determinati a far sentire la propria con la speranza di poter lasciare ai propri figli un mondo migliore di quello verso il quale stanno andando inesorabilmente.

«Agire sui cambiamenti climatici è un importante obbligo morale», si legge nella petizione. «Ci rivolgiamo a voi in quanto responsabili politici affinché rispondiate urgentemente alle minacce provocate dai cambiamenti climatici, provvedendo al conseguimento del 100% di energia rinnovabile da raggiungere come meta entro il 2050. Occorrono azioni coraggiose come questa per contenere la crescita della temperatura globale al di sotto dell’inaccettabile soglia dei due gradi, eliminando l’inquinamento di carbonio e riducendolo a zero, investendo risorse in sistemi di sviluppo sostenibile per costruire un mondo più fiorente, equilibrato e inclusivo».

Trionfano le italiane su innovazione e idea d’impresa
Elena Kummer: la ricercatrice che tutela gli animali

Tags: , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...