giovani laureati disoccupati

Pubblicato il 25 novembre 2015

Italia: boom dei giovani laureati disoccupati

L’Italia ha il più basso tasso di occupazione di giovani laureati, investe pochissimo nell’istruzione universitaria e ha gli insegnanti più vecchi. Questo è quanto emerge dall’Education at a glance 2015, il rapporto annuale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) che analizza i sistemi di istruzione dei 34 paesi membri. L’analisi confronta i dati sulla struttura, i finanziamenti e i risultati dei sistemi d’istruzione dei diversi paesi.

Nello specifico, il 20% dei giovani italiani ha un titolo universitario di secondo livello o un titolo universitario equivalente, per esempio una laurea magistrale, mentre la media dei paesi membri dell’Ocse è ferma al 17%. Per le persone di età compresa tra i 25 e i 34 anni con un diploma di laurea, tuttavia, è molto difficile trovare un lavoro in Italia: nel 2014 solo il 62% era occupato, cinque punti percentuali in meno rispetto ai dati del 2010, e venti punti percentuali in meno rispetto alla media Ocse.

L’Italia è tra i pochi paesi in cui la percentuale di occupati laureati è più alta per la fascia d’età 55-64 anni rispetto a quella 25-34 anni. Anche in Islanda e in Repubblica Ceca si registra questo trend, ma la differenza nel livello di occupazione tra queste due fasce d’età è molto inferiore rispetto al caso italiano. Inoltre, solo in Italia e in Repubblica Ceca il tasso di occupazione delle persone con età compresa tra 25 e 34 anni è più basso tra i laureati rispetto alle persone che hanno conseguito solo un diploma delle superiori. Il tasso di occupazione è poi particolarmente basso per i giovani laureati i cui genitori non sono laureati.

Circa il 35% delle persone con età compresa tra 20 e 24 anni non ha un lavoro, non studia, né segue un corso di formazione, la seconda percentuale più alta tra i paesi membri dell’Ocse.
Altro dato rilevante che emerge dal rapporto è che l’Italia ha il record degli insegnanti più anziani di tutti i paesi Ocse. Nel 2013, infatti, il 57% dei docenti nella scuola primaria, il 73% dei professori della scuola secondaria superiore e il 51% dei professori universitari avevano compiuto 50 anni di età o li avevano superati.

Anche per quanto riguarda l’ambito degli stipendi degli insegnanti l’Italia non si distingue positivamente. Nel 2013, infatti, i docenti impiegati nella scuola pubblica secondaria inferiore con età compresa tra 25 e 64 anni guadagnavano in media il 67% del salario medio dei lavoratori di altri settori con qualifiche comparabili, rispetto a una proporzione media Ocse dell’80%.

Dal 2000 al 2012, tra i paesi dell’Ocse, solo in Cile, Francia, Norvegia, Polonia, Svezia e Italia la spesa nell’istruzione è aumentata meno del prodotto interno lordo in percentuale. Nello specifico, soltanto lo 0,9% del prodotto interno lordo (PIL) italiano è investito nelle istituzioni dell’istruzione universitaria, l’unico paese a investire meno tra i membri dell’Ocse è il Lussemburgo.

Coppia rinuncia a nozze sfarzose per aiutare i profughi
#OursToLose: la campagna contro i cambiamenti climatici

Tags: , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...