sesto rapporto di agire

Pubblicato il 5 novembre 2015

Aiuti umanitari: quanto spende l’Italia?

Nel 2014 l’Italia si attesta al XIV posto per volume di aiuti a livello globale, con un investimento complessivo di 377,9 milioni di dollari. Ciò significa che in un anno il governo italiano spende in aiuti umanitari meno di quanto investe in 5 giorni in spese militari. Questo è quanto emerge dalla sesta edizione del Rapporto “Il Valore dell’Aiuto. Risorse per la risposta alle emergenze umanitarie” realizzato da Agire, il network delle più importanti ong di risposta alle emergenze, in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.Il Rapporto analizza ogni anno i flussi dell’assistenza umanitaria nel mondo e in Italia, la localizzazione geografica degli interventi, la copertura dei bisogni, l’efficacia dei diversi canali di finanziamento, il ruolo dei governi donatori e dei privati cittadini, così come dei destinatari degli aiuti, sempre più protagonisti attivi nell’azione umanitaria.

I fondi globali stanziati per gli aiuti umanitari da parte di donatori pubblici e privati sono cresciuti nel tempo, raggiungendo nel 2014 l’ammontare di 24,5 miliardi di dollari. Si è raggiunto così un livello record, che segna addirittura un incremento del 22,5%. Tuttavia i numeri raccontano come gli sforzi della comunità internazionale, anche se in crescita, non siano attualmente sufficienti a coprire l’enormità dei bisogni delle popolazioni colpite da conflitti e catastrofi naturali, che per oltre il 38% restano senza risposta.

Per quanto riguarda, invece, i fondi gestiti direttamente dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, si segnala il dato positivo dell’incremento della spesa umanitaria, che nel 2014 ha avuto un aumento di più del 50% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 64,5 milioni di euro. Il Ministero degli Affari Esterni ha così superato di 3,14 milioni di euro il contributo ai programmi umanitari fornito nello stesso anno dalle organizzazioni non governative, pari a 61,3 milioni di euro.

Infine, la terza parte della ricerca illustra le riflessioni in cui la comunità internazionale è impegnata in preparazione del “World Humanitarian Summit“, la prima conferenza internazionale sugli aiuti umanitari che si svolgerà nel maggio 2016 a Istanbul.

Pc e collegamenti Skype in arrivo per i detenuti
"Challenging the crisis": il progetto europeo contro le disuguaglianze

Tags: , , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...