Portale di economia civile e Terzo Settore

Italia: il numero di aborti scende sotto i 100mila

4

Diminuisce del 5% in un anno il numero degli aborti in Italia e, per la prima volta, scende al di sotto dei 100.000 l’anno. Un numero più che dimezzato rispetto ai 234.801 del 1982, anno in cui si è riscontrato il valore più alto. Rimane costante, invece, il numero dei medici obiettori di coscienza, ma nove interruzioni su dieci vengono oramai effettuate nella propria regione di residenza. Questo è quanto emerge dalla Relazione sull’attuazione della legge 194/1978 inviata dal Ministero della Salute a Parlamento, in cui vengono presentati i dati definitivi del 2013 e quelli preliminari per il 2014.I dati del rapporto evidenziano che ci sono state 97.535 interruzioni nel 2014, con un decremento del 5,1% rispetto al dato definitivo del 2013 (105.760 casi). Un aborto su tre riguarda una donna straniera, ossia il 34%, con un tasso di abortività del 19 per 1000, pari a una tendenza tre volte maggiore di quelle italiane. Fra le minorenni il tasso di abortività è del 4,1 per 1000, uno dei valori più bassi rispetto agli altri paesi occidentali. Rimane costante, e la più bassa a livello internazionale, la percentuale di aborti ripetuti: il 26,8% delle interruzioni volontarie di gravidanza viene effettuata da donne con una precedente esperienza.

La Relazione conferma che «il numero di non obiettori risulta quindi congruo, anche a livello sub-regionale, rispetto alle interruzioni effettuate, e non dovrebbe creare problemi nel soddisfare la domanda». Anche le strutture in cui abortire mostrano una copertura soddisfacente, tranne che in due regioni molto piccole: il numero di quelle in cui si può interrompere una gravidanza è pari al 74% del numero di punti nascita. Questo fa sì che quasi il 90% delle donne abortisca nella sua regione e anche i tempi di attesa per l’intervento siano in riduzione.

"Challenging the crisis": il progetto europeo contro le disuguaglianze
"Welcome to Germany": un'app per accogliere i migranti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...