Amnesty International Italia

Pubblicato il 29 ottobre 2015

Spose bambine: la campagna di Amnesty International

Per difendere e proteggere le bambine dai matrimoni forzati e da altre forme di violenza, fino al primo novembre, Amnesty International Italia, di cui quest’anno ricorre il 40° anniversario, lancia “Mai più spose bambine” campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale al 45594.Pochi giorni fa gli attivisti di Amnesty International hanno simulato, nel centro di Roma, un matrimonio precoce e forzato tra una bambina di 10 anni di nome Giorgia e Paolo, un uomo di 47 anni. Una messa in scena per sollevare l’attenzione sul problema. Secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa) infatti 13.5 milioni di ragazze ogni anno nel mondo sono costrette a sposarsi prima dei 18 anni con uomini molto più vecchi di loro: 37 mila bambine ogni giorno alle quali, di fatto, viene negata l’infanzia.

Donne e bambine continuano a subire violenza domestica, sono ridotte in schiavitù attraverso i matrimoni forzati, vengono comprate e vendute per alimentare il mercato della prostituzione, vengono violentate ed esibite come trofei di guerra o torturate in stato di detenzione. Queste forme di violenza sono parte di una cultura globale che nega alle donne pari opportunità e pari diritti e che tende a esercitare possesso e appropriazione del loro corpo.

Pertanto, Amnesty International Italia vuole: sensibilizzare l’opinione pubblica su questo fenomeno che si radica nella povertà, nella discriminazione e nell’arretratezza culturale; incrementare l’attenzione dei governi nei paesi in cui è presente questa pratica affinché sia bandita; favorire l’avvio di indagini imparziali, tempestive ed esaurienti su ogni denuncia di violazione dei diritti umani basata sulla discriminazione; contribuire a far sì che le bambine non subiscano decisioni riguardanti il loro corpo che siano causa di violazioni dei diritti umani e vivano la propria vita senza interferenze da parte di altri. È del 2 luglio 2015 l’adozione da parte del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite della prima Risoluzione sulla prevenzione e l’eliminazione dei matrimoni precoci e forzati. Contribuire così a questa campagna significa aiutare Amnesty International Italia a realizzare un cambiamento positivo nella vita di queste donne e bambine per cui non c’è libertà.

 

Nepal: Bidya Bhandari, la prima donna presidente
PON 2014/2020: stanziati 3 miliardi per la scuola

Tags: , , , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

1 risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...