- Felicità Pubblica - http://www.felicitapubblica.it -

Mele contaminate dai pesticidi. L’allarme di Greenpeace

Più di 8 mele su 10 sono contaminate da pesticidi. E’ questa l’amara scoperta effettuata da Greenpeace nell’ambito di un’indagine svolta sulla frutta acquistata nei supermercati di 11 Paesi europei. I test hanno messo in luce, infatti, che ben l’83% delle mele prodotte in modo convenzionale sono contaminate e che all’interno del 60 per cento di esse erano presenti due o più sostanze chimiche. Nessun problema, invece, è stato riscontrato nelle mele biologiche.

Greenpeace ha analizzato 126 campioni di mele, di cui 109 prodotte convenzionalmente, le rimanenti provenienti da coltivazioni biologiche. Le mele sono state acquistate in 23 catene di supermercati e analizzate in un laboratorio indipendente per verificare la presenza di un’ampia gamma di residui di pesticidi.

Ebbene, metà dei pesticidi rilevati hanno effetti tossici noti per organismi acquatici come i pesci, ma anche per le api e altri insetti utili. Molte di queste sostanze chimiche, inoltre, sono bioaccumulabili, hanno impatti negativi sulla riproduzione o altre proprietà pericolose. Infine, a causa dell’incompletezza di dati e conoscenze disponibili soprattutto sugli effetti di residui multipli, non si possono escludere rischi per la salute umana.

Quanto alla provenienza delle mele analizzate, esse sono state prodotte in Austria, Belgio, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Slovacchia, Spagna e Svizzera, e vendute nei supermercati dei rispettivi Paesi d’origine.

Greenpeace chiede, dunque, ai supermercati di abbandonare l’uso di pesticidi pericolosi nella produzione ortofrutticola, incentivando gli agricoltori a preferire pratiche di coltivazione sostenibili.

«Dai campi al piatto, i pesticidi chimici sono una presenza troppo frequente nei nostri alimenti», dichiara Federica Ferrario, responsabile della campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace. «Anche se tutti i residui individuati rientrano nei limiti stabiliti dalle normative, la varietà di sostanze chimiche trovate mostra che nelle coltivazioni convenzionali è pratica comune irrorare i meleti con applicazioni multiple di pesticidi. Tutto questo, insieme alla scarsa conoscenza dei possibili impatti dei “cocktail di pesticidi” sull’ambiente e sulla salute, è fonte di grande preoccupazione. Inoltre non è accettabile che gli agricoltori e le loro famiglie debbano sopportare il carico tossico di questo fallimentare sistema di agricoltura industriale».

Maxicuscini e open space: ecco la scuola del futuro [1]
Fino al 16 dicembre la solidarietà passa dai ristoranti [2]