mani unite

Pubblicato il 22 ottobre 2015

Rete Attiva: associazioni pugliesi unite per la crescita del territorio

Sono 21 le organizzazioni di volontariato sociale e culturale che operano nei comuni pugliesi di Ruvo di Puglia, Corato, Terlizzi, Bisceglie, Trani e Canosa, e che hanno deciso di fare rete per amplificare la portata dei propri interventi e dar vita a un percorso virtuoso a tutela delle fasce più deboli della popolazione.

La Rete Attiva sarà presentata per la prima volta domani, 23 ottobre alle 16 nella Pinacoteca Comunale di Ruvo, nel corso dell’evento “Rendi liberi i tuoi sogni”, che vedrà l’approfondimento di 4 temi, quali aggregazione, volontariato, foodsharing, innovazione sociale, attraverso testimonianze e progetti di arte urbana e cooperazione sociale.

Le associazioni hanno deciso di unire le forze per la crescita umana, sociale, solidale, e culturale del territorio, sperimentando un progetto innovativo allo scopo di offrire ai cittadini l’opportunità di essere più consapevoli del prezioso contributo che il Terzo settore può offrire allo sviluppo della comunità.

Queste le organizzazioni di volontariato che compongono la Rete Attiva: Apuliae Terrae (per la promozione del territorio); A.E.D.E. (per percorsi di educazione e istruzione in dimensione Europea); A.I.A.S. (per sostegno a persone con disabilità); A.I.L. (associazione italiana contro le leucemie); A.N.T. ITALIA ONLUS (assistenza specialistica ai malati di tumore); AGESCI RUVO 1 Scout; Ali di scorta (per la lotta ai tumori in età pediatrica); bNet Puglia (per la promozione della cultura della pace attraverso attività culturali, sociali, artistiche, umanitarie); CampeRuvo (promozione del territorio); Caritas Cittadina Ruvo di Puglia, con.te.sto onlus (per il sostegno a bambini autistici e loro famiglie), Cultura et Memoria (promozione del territorio), Fratres Ruvo (per la donazione del sangue), Granello di Senape (assistenza sociale e socio-sanitaria); L’elefante e la farfalla (per la prevenzione oncologica e reinserimento sociale); La Breccia Onlus (supporto alle problematiche della salute mentale); L’Ala di Riserva Onlus (programmi creativi con disabili); NOIXVOI Onlus (promozione umana e sociale); Sportello Alzheimer (sportello di sostegno per famiglie con pazienti malati di Alzheimer); Terzo Animo (riqualificazione urbana e street art sociale); Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

A Torino arriva il bike sharing per i disabili
Case: 20 milioni di euro per le persone in difficoltà

Tags: , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...