progetto 'Facciamo muro contro la povertà', nato dalla collaborazione fra la Trentino Volley e l'Amref Health Africa

Pubblicato il 17 ottobre 2015

Amref e Trentino Volley contro la povertà

“Facciamo muro contro la povertà”, e’ il nome dell’iniziativa dell’Amref Health Africa in collaborazione con il Trentino Volley, dedicata alla tutela dell’infanzia.

Dal 2000 Amref è impegnata in un programma di recupero e riabilitazione dei ragazzi di strada di Dagoretti, un sobborgo di Nairobi. Il progetto negli anni è cresciuto e attualmente interessa migliaia di beneficiari, anche grazie al lavoro svolto all’interno del Children Village, struttura che Amref ha realizzato nel 2012. Le attività sono diverse: dall’assistenza medica e alimentare, all’istruzione di base; dallo sviluppo di piccoli progetti di microcredito, all’assistenza legale per molti di loro che hanno problemi con la polizia o che non hanno documenti né un’identità riconosciuta.

Grazie alla partnership con Trentino Volley il processo di riabilitazione dei ragazzi di Dagoretti potrà’ seguire ora anche una nuova, stimolante, traiettoria, quella contraddistinta dai valori e dalle regole della pallavolo. Le attività’ si arricchiscono dunque con il volley di strada, per creare nuove opportunita’ di recupero attraverso lo sport: Trentino Volley invierà’ a Nairobi alcuni componenti del proprio staff tecnico, che avranno il compito di sovraintendere e guidare l’attività’ pallavolistica dei ragazzi di strada con l’obiettivo di trasmettere i valori di questo splendido sport.

«Vogliamo portare la nostra qualità sportiva certificata anche nella solidarietà. Ci sentiamo in credito verso realtà come quelle del sobborgo di Dagoretti e non solo, e se anche riuscissimo ad aggiungere una goccia a questo mare saremmo ben contenti» come spiega il presidente della squadra, Diego Mosna.

Budrio: il Comune che dona il cibo avanzato delle mense scolastiche ai canili
L'importanza del welfare aziendale

Tags: , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...