Pubblicato il 16 ottobre 2015

Un computer aiuta i medici nella lotta contro il cancro

Sarà un computer a valutare lo stato dei pazienti ricoverati in ospedale e a elaborare la diagnosi più rapida ed efficace. Si tratta del supercomputer Watson di Ibm che sarà utilizzato per prendere decisioni sulla terapia del cancro in 14 ospedali negli Stati Uniti e in Canada. Il cervellone consente, infatti, di revisionare grandi quantità di dati medici che i dottori impiegano molte settimane a esaminare, accelerando il processo di diagnosi e l’avvio della terapia più consona per ogni malato. Il sistema aiuterà a valutare i singoli tumori e a suggerire quale farmaco dovrebbe essere usato per colpirli.

«Quando hai a che fare con il cancro, è sempre una gara», ha affermato Lukas Wartman della Washington University di St. Louis, fra le strutture che adotteranno il sistema Watson. «Essendo anche io un malato di cancro, so quanto sia importante valutare al meglio le informazioni che ci arrivano dalla genomica. Purtroppo, tradurre questi dati in potenziali opzioni di trattamento richiede spesso settimane, con team di esperti che si devono dedicare a studiare un solo paziente. Watson sembra aiutare drasticamente a ridurre i tempi».

Le strutture aderenti includono la Cleveland Clinic, il Fred Pamela Buffett Cancer Center di Omaha e il Cancer Centre di Yale. Altre 11 si uniranno al programma entro la fine del 2015 e tutte hanno stretto un accordo commerciale riservato con Ibm.

Nei mesi scorsi, per accelerare l’adozione della tecnologia di ‘cognitive computing’ di Watson, Ibm ha annunciato un investimento da 20 mln di dollari in Modernizing Medicine: un fornitore di soluzioni basate su cloud, che aiutano gli specialisti a creare e utilizzare le informazioni mediche in modi nuovi per supportare le decisioni direttamente nei centri di assistenza.

Bici: un mezzo da premio Nobel per la pace
Turchia: Greenpeace salva gli ulivi dalla centrale di carbone

Tags: , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...