Pubblicato il 14 ottobre 2015

Fao: come eliminare la fame nel mondo entro 15 anni

La ricetta per salvare il pianeta dalla fame nel mondo esiste. Almeno a detta della Fao secondo la quale sarebbe sufficiente destinare ogni anno lo 0,3% del Pil mondiale alla lotta alla fame, per eliminare completamente questa piaga nel giro di 15 anni. Secondo l’agenzia dell’Onu per l’alimentazione e l’agricoltura, infatti, basterebbero 265 miliardi di dollari all’anno, da oggi al 2030, da spendere in investimenti nell’agricoltura e programmi di protezione sociale, per non avere più nel mondo gente che muore di fame. Il calcolo elaborato dalla Fao è emerso ieri a Roma durante la presentazione del rapporto annuale dell’Agenzia, il SOFA 2015.

Secondo la Fao sono circa 800 milioni le persone al mondo che vivono ancora in estrema povertà. Il Rapporto di quest’anno dell’Agenzia punta soprattutto sui programmi di protezione sociale nelle aree rurali più arretrate: aiuti in denaro o cibo, programmi di lavoro pubblici, assicurazioni sociali, sussidi di disoccupazione, corsi di riqualificazione lavorativa.

«Dobbiamo usare la protezione sociale per rompere il circolo vizioso della povertà», ha spiegato il direttore generale della Fao José Graziano da Silva. «La protezione sociale lascia più risorse per investimenti per produttività ed educazione e stimola la domanda di prodotti locali».

«La protezione porta a produzione», ha sintetizzato il vicedirettore dell’agenzia Jomo Sundaram. «Non solo salva le persone, ma favorisce gli investimenti, una maggiore produttività e quindi lo sviluppo».

Dalla Tunisia a Milano: ecco il progetto Titan
“EXPO 2015 - Dal grande evento alla cittadinanza attiva”

Tags: , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...