campagna every one

Pubblicato il 13 ottobre 2015

Oggi Save the Children Day in Expo

Expo Milano 2015 celebrerà ufficialmente oggi il Save the Children Day, dedicato all’indicativa presenza dell’Organizzazione all’Esposizione Universale con il Villaggio esperienziale, che è diventato negli scorsi mesi un riferimento per migliaia di bambini, famiglie e visitatori interessati a comprendere il tema della malnutrizione e sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo o in emergenza.

Alle ore 11, di fronte al Media Center di EXPO, prenderà il via sul Decumano la parata del Save the Children Day, con la partecipazione numerosa di bambini e volontari, animata da artisti di strada e con la presenza dei rappresentanti dei padiglioni amici (USA, UE, Brasile, Germania, Belgio, Angola, UK, Turchia, Spagna, Austria, Azerbaijan, Svizzera, Uruguay, Eataly, Algida, Lindt, Fratelli Beretta) che continueranno poi a celebrare la giornata con iniziative speciali nei loro spazi all’interno di EXPO.

Il percorso terminerà alle 11.30 presso il Villaggio Save the Children, con un evento istituzionale al quale prenderanno parte il Commissario Unico di Expo Giuseppe Sala, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano Francesco Majorino, il Presidente di Save the Children Italia Claudio Tesauro insieme ad alcuni partner e testimonial dell’Organizzazione.

Inoltre, durante l’evento vi sarà il rilancio ufficiale della campagna Every One di Save the Children per dire basta alla mortalità infantile, con la diffusione del nuovo rapporto “#IoNonMollo. Vecchie sfide e nuovi traguardi per combattere la mortalità infantile” e la promozione della raccolta fondi per il sostegno dei progetti di salute materno-infantile e nutrizione in Egitto, Etiopia, Malawi, Mozambico e Nepal.

Verso gli Stati Generali della Green Economy 2015
Happy Hand in Tour: per una nuova cultura sulla disabilità

Tags: , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...